Dal forno del paese fantasma il miglior pane di Sicilia. Maurizio Spinello nel Borgo Santa Rita

Dal forno del paese fantasma <strong>il miglior pane di Sicilia</strong>. Maurizio Spinello nel Borgo Santa Rita

«Bisogna crederci nelle cose che si fanno e poi la strada la trovi ed il successo pure: nessuno infatti, quando 14 anni fa mi sono rivolto al Comune di Caltanissetta per ottenere la licenza per avviare un forno a Santa Rita, voleva crederci. Adesso l’unico a non stupirsi del fatto che al mio pane è stato assegnato il premio “Best in Sicily” e che dal portale “Cronache del gusto” dai gourmet sono stato indicato come il migliore fornaio dell’isola sono io. E questo non perché mi sono improvvisamente montato la testa, ma perché so come il mio pane è fatto e quanto sia genuino. E’ chiaro che sono felice di vedere riconosciuti adesso i sacrifici che ho fatto e che le mie intuizioni di allora erano giuste».

Maurizio Spinello
Il pane di Maurizio Spinello: panettiere del Borgo Santa Rita (11 anime in provincia di Caltanissetta) premiato per i suoi prodotti biologici.

Maurizio Spinello, 35 anni da poco compiuti, due figli maschi (Salvatore di 11 e Marco di 8 anni) che vanno a scuola a Delia e una tenacia senza fine, che gli ha suggerito di rimanere al Borgo Santa Rita (a 11 chilometri dal capoluogo nisseno ed ad uno da Sommatino) «per fare il pane come si faceva una volta…».

«Qui ormai siamo rimasti in pochi – dice Maurizio Spinello mentre continua ad impastare la farina – appena in undici, tra cui mio padre Salvatore (che ha ora 66 anni) e mia madre Rosa (di 63). Se qui si facessero le elezioni potrei fare pure il sindaco, ed invece sono contento di fare il fornaio. Ed ho imparato dai miei genitori: mio padre si occupava della campagna e faceva l’allevatore di una cinquantina di mucche e mi ha insegnato a capire dove e come procurarmi il grano buono, mia madre invece mi ha fatto vedere come faceva una volta il pane a casa di nonna Gina, e che inizialmente, per arrotondare i guadagni della famiglia, ha cominciato a venderlo ai passanti assieme al latte ed alle uova fresche. E così 14 anni fa, quando tutti i miei amici e coetanei lasciavano il borgo per andare a cercare un lavoro, io mi sono messo qui a fare il fornaio, in un posto che è quasi dimenticato da Dio e dagli uomini perché manca, ancora oggi, quasi tutto. Dopo aver preso la decisione di restare tra queste poche case, che furono realizzate 90 anni fa dal barone Ignazio La Lomia e che poi diventarono un vero e proprio borgo rurale nel periodo fascista, c’era pure chi mi prendeva in giro e che magari ora si ritrova disoccupato. Determinante è stato anche l’aiuto che mi ha dato il direttore dell’istituto Toniolo di San Cataldo che ha dato fiducia al mio progetto e che mi ha accordato un mutuo di cento milioni di lire, senza i quali non avrei mai potuto cominciare a lavorare».

«Qual è il segreto del mio pane così buono? Semplice – risponde compiaciuto, mostrando le sue pagnotte appena impastate come se fossero delle perle – sono i grani antichi siciliani, che si chiamano Senatore Cappelli, Perciasacchi, Tumminia e Russello, che magari sono costosi ma che mi consentono di preparare del pane di altissima qualità. E poi il merito va anche al mulino, che è all’antica e fatto con le pietre e che è gestito da Filippo Drago, un mio coetaneo a Castelvetrano che è titolare del “Mulino del ponte”. Alla fine mi ha dato una mano anche il dott. Lelio Lunetta, che mi ha consigliato di fare del pane biologico e di farlo conoscere andandolo a vendere in giro nei mercatini specializzati. E così, dopo aver lavorato dalle 5 del pomeriggio alle 4 del mattino mi mettevo a girare per la Sicilia nei mercatini dove vengono venduti prodotti esclusivamente biologici, e quindi il mercoledì a Caltanissetta in via Malta, poi la prima domenica del mese a Messina, la seconda a Catania e la terza a Palermo. Poi sono andato al “salone del Gusto” a Torino, dove, dopo che hanno assaggiato il mio pane, sono letteralmente impazziti nel constatare quanto è buono. E, innescato questo giro virtuoso, il mio pane (ma anche i miei biscotti e le crostatine) è stato conosciuto da tanti, che adesso me lo chiedono via internet e lo vogliono mandato anche in molte città del Nord».

«Perché il mio pane è così richiesto anche dai rivenditori e dai posti di vendita qualificati di tutta Italia? Qui proprio non c’è alcun segreto – spiega orgoglioso – è così richiesto perché è fatto solamente con farina, sale e crescente, cioè la “pasta madre” che si ricava dal pane già lievitato e che ogni volta che si fa il pane se ne prende un pezzo e lo si conserva per l’impasto successivo. Non uso il lievito di birra, per cui il pane rimane fresco per 15 giorni. Ingredienti che servono per fare il pane buono e che sono adesso certificati anche dall’Aiab, l’associazione italiana di agricoltura biologica». Giuseppe Scibetta

Scrivi un commento da Facebook

12 Responses to "Dal forno del paese fantasma il miglior pane di Sicilia. Maurizio Spinello nel Borgo Santa Rita"

  1. virginia violini   sabato 9 Feb 2013 at 09:58

    grazie di tanta fatica. abbiamo bisogno più che mai di uomini e donne coraggiosi che non hanno paura del sacrificio. alla fine tutto ritorna su di te e sui tuoi figli. auguri di ogni bene.

    Rispondi
  2. Egidio Lo Brano   sabato 9 Feb 2013 at 11:35

    Sono felice perche’ la terza domenica di febbraio posso trovare questo magnifico pane anche a palermo.ma dove ? mi fate per favore sapere in quale mercatino potro’ trovarlo ? GRAZIE

    Rispondi
  3. carmela   sabato 9 Feb 2013 at 17:39

    bravo maurizio sei un grande uomo ho visto il servizio stamattina nel programma condotto da tiberio timperi e miriam (persone speciali molto competenti e x nulla sofisticate),persone come te danno lustro e onore alla grande e bellissima SICILIA, stamattina mi sono tanto commossa quando parlavi di come fai il tuo lavoro ti auguro sia a te e ai tuoi familiari tutto il bene del mondo spero che tu possa avere riconosciuto il titolo di CAVALIERE te lo meriti.complimenti dal profondo del mio cuore.ciao

    Rispondi
  4. Salvo   sabato 9 Feb 2013 at 20:42

    Ciao Maurizio complimenti per continuare a mantenere la produzione di questo pane a dir poco speciale. A tal proposito gradirei sapere in quale mercatino di Palermo sei la terza domenica del mese.Grazie e continua cosi..

    Rispondi
  5. enzo   lunedì 11 Feb 2013 at 16:25

    Ciao Maurizio, ti auguro di avere tanta fortuna e aspetto il tuo pane anche a Trapani. Dimmi dove e quando.

    Rispondi
  6. rosa spallino   lunedì 11 Feb 2013 at 23:02

    Ciao Maurizio, ho visto il servizio su unomattina. Anche io ho una piccolissima cooperativa e ho un sogno nel cassetto: dare lavoro “non a nero” ai soci della mia coop. Ci riuscirò? Prendo esempio da te. Di persone come te ce ne vorrebbero di più, la nostra società sarebbe migliore. Auguri di ogni bene e non mollare! Rosa
    Facci sapere a Palermo dove ti troviamo: ormai questo pane lo dobbiamo assaggiare.

    Rispondi
  7. TIZIANA   mercoledì 13 Feb 2013 at 20:46

    GRAZIE A NOME DI TUTTI , QUANTO è BELLO SENTIRE DI CHI SI PRODIGA IN QUALCOSA DI NATURALE , E CREDENDOCI E VOLENDOLO, E CCHE RISULTATI.
    COMPLIMENTI, ABBIAMO SEGUITO L’INTERVISTA,
    CON TANTO SENTIMENTO.
    SIAMO DI PALERMO , QUINDI
    3″ DOMENICA DEL MESE , QUI DA NOI IL 17 ,
    IN QUALE LUOGO ?

    Rispondi
  8. Eleonora   domenica 17 Feb 2013 at 09:11

    Ciao carissimo maurizio sono un’amante delle tradizioni e dei veri sapori di casa. Ho girato con la mia famiglia l’estate scorsa tutta la sicilia e ho grande desiderio di scoprire anche il tuo angolo di paradiso. Ti prego contattami perchè non riesco a raggiungerti in ogni modo e vorrei di cuore assaggiare i tuoi capolavori. Ti prego davvero è dall’intervista in tv che ti cerco. Intanto mille mille mille auguri per tutto e che dio ci benedica a tutti. Ah! Chiamo dalle Marche e abito nelle Marche.Eleonora

    Rispondi
  9. locandro guseppe   lunedì 25 Mar 2013 at 17:37

    gradirei sapere coe contattare il forno s rita per acquistare il pane.
    Grazie.
    Avv.Giuseppe locandro

    Rispondi
  10. eva   venerdì 10 Mag 2013 at 13:20

    a Caltanissetta dove si trova?Grazie

    Rispondi
  11. salvo   sabato 19 Ott 2013 at 22:11

    Carissimo Maurizio , complimenti per cio’ che fai per la comunita.
    A tal proposito desideravo sapere dove trovo il tuo pane (es. rivendite , mercatini , ecc), a Palermo.
    Mi piacerebbe venirlo a comprare in paese da te, ma mi hanno detto che gia’ alle 08.00 del mattino non se ne trova piu’.
    Ti faccio di nuovo i complimenti. e attendo notizie

    Rispondi

Lascia una risposta

Your email address will not be published.