Il miglior cuoco under 30 del Sud Italia è il siciliano Giuseppe Raciti di “Zash”

Il miglior cuoco under 30 del Sud Italia è il siciliano Giuseppe Raciti di “Zash”

Giuseppe Raciti, cuoco del ristorante “Zash” a Riposto (Ct), si è aggiudicato la vittoria della Gara di Gusto per gli chef under 30 del Sud Italia, organizzata da Cronache di Gusto. Raciti ha convinto la giuria presieduta da Mauro Uliassi (2 stelle Michelin) con il suo “Agnello tra tradizione, esperienza, tecnica e innovazione”: un tortello con farina di tumminia, una costoletta di agnello, un flan di carciofo spinoso di Menfi, un controfiletto d’agnello e una tartare d’agnello accompagnata da una brunoise di mela dell’Etna allo zafferano.

Una Menzione di merito è stata invece attribuita al cuoco di Nola (Na) Valentino Buonincontri, con la sua Pasta mista con cavolfiore, ostrica e caffè.

I finalisti si sono sfidati preparando pietanze a base di ingredienti che rispecchiano le proprie terre di origine: Sicilia, Campania, Puglia e Calabria. Sono i migliori chef under 30 che hanno vinto le selezioni regionali e che si sono affrontati ieri nella splendida location del ristorante Alle Terrazze di Mondello (Pa) dinanzi ad una giuria di chef e giornalisti del settore.

Il vincitore è stato incoronato a conclusione della cena svoltasi nello splendido scenario del Palace Hotel a Mondello, ed è stata un’occasione unica per vedere all’opera alcuni dei più promettenti talenti della cucina meridionale, entrati a far parte dei migliori chef under 30 del Sud Italia. I cuochi campani, siciliani, calabresi e pugliesi, per la prima volta insieme, hanno preparato un menu composto da due antipasti, tre primi, due secondi e un dessert.

Ai fornelli Salvo Campagna del “Secondo Tempo” di Termini Imerese (Pa), Tommaso Stancampiano de “La locanda del gusto” a Palermo, Giuseppe Raciti di “Zash” a Riposto (Ct), Luigi Salomone di “Piazzetta Milù” a Castellammare di Stabia (Na), Valentino Buonincontri di Marignano (Na), Donato Calvi del “Calvi Ristorante” di Altamura (Ba), Domenico Capogrosso dell’“Osteria del buono” a Trani, Salvatore Amato di “Borgo Valle Rita” a Ginosa Marina (Ta), Antonio Biafora del “Biafora Restaurant” a San Giovanni in Fiore (Cs), Emanuele Strigaro dell’Hotel Palazzo Foti a Crotone.

Alle varie portate sono stati abbinati i vini di Feudo Arancio / Mezzacorona / Rotari, e le birre di 24 Baroni. La cena è stata realizzata in collaborazione con Mezzacorona, Feudo Arancio, Rotari, Electrolux, 24 Baroni, Olio Barbera, Azienda Mulinello, Azienda Grasso, Consorzio Ricrea, Pasta Gentile, Azienda conserviera Drago, Conserve ittiche Balistreri, Tomarchio, IceCube, Mangiatorella, Grasso, Pescheria La Fontanella.

Fonte: italiaatavola.net

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.