“Settesoli Sostiene Selinunte”: raccolti 100.000 euro

“Settesoli Sostiene Selinunte”: raccolti 100.000 euro

Solidarietà non è un certo sostantivo caro alle aziende produttive, il cui obiettivo principale è creare profitto. Ma c’è chi riesce ad essere un’azienda leader e può permettersi anche, con poco, di investire in altro, ad esempio nella cultura. È il caso delle Cantine Settosoli, la più grande catena vitivinicola siciliana, che ha pensato bene di inventarsi la campagna delle tre S “Settesoli Sostiene Selinunte”: dallo scorso mese di settembre, su ogni bottiglia venduta, 10 centesimi vengono devoluti al Parco Archeologico selinuntino.

Fino ad oggi, grazie alla capillare distribuzione dei vini della cantina in buona parte dei supermercati sparsi in tutta Italia, sono stati raccolti ben 100.000 euro. È bastato rinunciare a pochi spiccioli per ciascun pezzo venduto ed ecco racimolata una cifra importante che aiuterà non poco il sito archeologico che ha tanto bisogno di sostegno economico. Con i fondi raccolti, per prima cosa verrà realizzato l’ impianto di illuminazione del Tempio C, per rendere fruibile l’importante bene storico anche dopo il tramonto e rendendo ancora più affascinante una delle mete turistiche più importanti della Sicilia.

“L’azione di valorizzazione è più ampia – afferma Vito Varvaro, presidente di Cantine Settesoli al Giornale di Sicilia – e prevede altri lavori di restauro di promozione turistica del Tempio greco: oltre all’installazione del sistema di illuminazione, è necessario intervenire sulla sistemazione dei percorsi di visita, che saranno, anch’essi, finanziati con i fondi raccolti”. La Cantina Settesoli non è certo la prima azienda a destinare parte degli introiti di vendita alla cultura o alla solidarietà, ma sono poche le imprese, dalle nostre parti, che fanno lo stesso. Vuoi o non vuoi la crisi c’è per tutti, ma l’idea che un’azienda possa aiutare soggetti terzi è anche una trovata pubblicitaria. Una sorta di incentivo all’acquisto che può incrementare la vendita e migliorare l’immagine di una’impresa. Chissà se qualcun’altro prenderà spunto e seguirà l’esempio.”

Fonte: rmk.it

 

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.