Vinicio Capossela in concerto a Palermo

<strong>Vinicio Capossela</strong> in concerto a Palermo

Vinicio Capossela
12-13 dicembre 2012: Palermo – Candelai

Rebetiko Gymnastas Esercizi allo Scoperto
12-13 dicembre 2012: Palermo – Candelai

Prosegue il tour nei club italiani di Vinicio Capossela, uno dei più eclettici cantautori italiani, tratto dal suo ultimo lavoro “Rebetiko Gymnastas”, uscito lo scorso giugno.
Dopo gli “Esercizi allo Scoperto” che Vinicio Capossela e i suoi Rebetici Ginnasti hanno praticato all’aperto nell’estate olimpica appena trascorsa, il rebetiko rientra al chiuso, nei rock club, ovvero negli spazi coperti che più si addicono al suo spirito ribelle.

Il tour “REBETIKO GYMNASTAS” è ripartito lo scorso 2 novembre dal Centro Sociale Rivolta di Marghera, facendo registrare ovunque il “tutto esaurito”.
Il tour sta proseguendo da Nord a Sud (Sicilia compresa) con due date nel capoluogo siciliano, in pieno centro storico, presso il locale “I Candelai”.

Saranno con Vinicio Capossela i grandi musicisti della tradizione rebete che l’hanno accompagnato nel disco e dal vivo: Vassilis Massalas alla chitarra e baglamas, Ntino Chatziiordanou alla fisarmonica e all’organo Farfisa, Dimitri Emmanouil alle percussioni e soprattutto l’insigne solista del bouzouki Manolis Pappos. Completeranno l’organico due pilastri della band di Capossela quali Alessandro Asso Stefana alla chitarra e Glauco Zuppiroli al contrabbasso.
Il rebetiko – come racconta lo stesso Capossela – è musica nata da una catastrofe, da una grande crisi e da una colossale migrazione.
Da allora ha sempre avuto un contenuto eversivo, ha portato in sé il cromosoma della ribellione, della rivolta individuale.

Rebeta (dal turco rebet) che vuol dire ribelle, è colui che meno si tira indietro quando le città vanno a fuoco. È uno che non si sottomette al meccanismo del consumo e che semmai cerca la sua bellezza altrove.
Il rebetiko è una musica che lamenta quello che tutti noi abbiamo perduto, una musica che non dimentica le sue origini. Si officia in luoghi chiusi, ed è una musica che
viene dal basso, che si condivide a tavola.

Da questo genere musicale Vinicio Capossela ha preso spunto per il suo nuovo album, “Rebetiko Gymnastas”, uscito contemporaneamente sia in Italia che in Grecia.
Contiene quattro brani inediti, una ghost-track ed otto canzoni note reinterpretate in chiave rebetika.
Il disco è stato registrato negli storici studi Sierra in Atene su nastro analogico con l’accompagnamento di alcuni fra i migliori musicisti greci di rebetiko.

L’album, inoltre, vede anche la partecipazione speciale della cantante Kaiti Ntali, di Mauro Pagani, Marc Ribot e Ricardo Pereira.

 

Giannicola Scopelliti

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.