Grandi opere. Così si viaggerà in treno in Sicilia

<strong>Grandi opere</strong>. Così si viaggerà in treno in Sicilia

Così si viaggerà in treno in Sicilia. Sei gli interventi previsti: il più complesso l’alta velocità “light” tra Catania e Palermo.
Due macro-fasi. La prima prevede il collegamento Ct-En. La seconda Raddusa-Enna-Fiumetorto

Grandi opere. Sveliamo il contratto di servizio che sarà firmato mercoledì tra Regione e FerrovieAllo studio. Collegamento strategico tra l'aeroporto di Comiso e il porto di Augusta
Grandi opere. Sveliamo il contratto di servizio che sarà firmato mercoledì tra Regione e Ferrovie
Allo studio. Collegamento strategico tra l’aeroporto di Comiso e il porto di Augusta

A soli quattro giorni dalla firma definitiva del “Cis” (il Contratto istituzionale di sviluppo) sugli investimenti per la rete ferroviaria siciliana – prevista mercoledì a Palermo fra il ministro per la Coesione Territoriale, Fabrizio Barca, il presidente della Regione Rosario Crocetta, l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, e l’assessore regionale alle Infrastrutture, Nino Bartolotta – trapelano le prime indiscrezioni sugli interventi oggetto dell’accordo.

Obiettivi
Secondo il nuovo “Cis”, oltre all’ottimizzazione delle reti esistenti, si cercherà di realizzare finalmente dei tracciati in grado di annullare i ritardi delle linee attuali.
La punta dell’iceberg degli interventi strategici previsti per l’Isola è rappresentato certamente dal collegamento ferroviario del “triangolo” Messina-Catania-Palermo con la cosiddetta “Alta Velocità Light”, con treni che raggiungeranno i 160 km orari. L´obiettivo – come ha precisato nei giorni scorsi Crocetta – sarà non solo la costruzione del doppio binario, ma anche il collegamento tra gli aeroporti di Catania e Palermo. In una prima fase (5 anni) si coprirà questa distanza in due ore e mezza, ed entro 10 anni in un’ora e mezza. Alla fine sarà collegato in tempi rapidi il “triangolo” Palermo-Messina-Catania: si potrà ridurre a un’ora e 20 minuti la tratta Palermo-Catania, a 45 minuti la Catania-Messina, e a 2 ore la Palermo-Messina.

Sei interventi
Ma andiamo con ordine. Sono in tutto 6 gli interventi principali previsti dall’imminente accordo Stato-Regione-Rfi: la Messina-Catania; il Nodo di Catania; la Catania-Palermo; il Nodo di Palermo; gli interventi di potenziamento della rete messinese; e i collegamenti strategici.

Messina-Catania
Attualmente esiste il doppio binario solo sulla tratta Messina-Giampilieri (15km) e sulla Fiumefreddo-Catania (38 km). Resta da raddoppiare la “Giampilieri-Fiumefreddo” (42 km), il cui progetto è al vaglio dell’accordo che sarà firmato mercoledì.
Al momento risulta finanziata la sola progettazione definitiva per 46 milioni di euro, mentre la realizzazione delle opere (2,27 miliardi di euro) è da finanziare. In totale si parla di circa 2,363 miliardi di euro per l’intero blocco di lavori.

Nodo di Catania
Prevede le seguenti tipologie di intervento: il raddoppio della tratta “CT Ognina-CT Centrale” (lunga 2,6 km) con la realizzazione di 3 nuove fermate metropolitane (Ognina, Europa e, in sotterranea, Picanello); l’interramento del Nodo di Catania; il raddoppio della tratta “Bivio Zurria-Acquicella” (costo 116 mln) attualmente a binario unico; nonché la realizzazione della fermata Fontanarossa.
Il tutto, per un costo che si aggira sui 700 milioni di euro, con 244 milioni di copertura finanziaria esistente.

Alta velocità Ct-Pa
È l’intervento più complesso e certamente più discusso degli ultimi anni. Fa parte del corridoio numero 5 “Helsinki-La Valletta” della Rete Trans-Europea di Trasporto (che si sviluppa lungo la direttrice Messina-Catania-Enna-Palermo). Il tracciato è lungo circa 270 km e si sviluppa in affiancamento alla linea esistente, tra Bicocca e Catenanuova. È tramontata definitivamente l’ipotesi faraonica del tunnel sotto i Nebrodi (lungo 45 km) da Catenanuova a Pollina, da 5 miliardi di euro, con tempi di realizzazione ventennali, e percorrenza del tracciato in 1 ora e 18 minuti. Ora la Regione punta su progetti concreti e tracciati più economici che coinvolgeranno anche il centro dell’Isola.
Si avranno 2 macro-fasi. La prima, del valore di 823 milioni di euro (tutti già coperti) prevede il collegamento Catania-Enna e include 4 sottointerventi: raddoppio Bicocca-Motta-Catenanuova (11+28km); Catenanuova-Raddusa (18km); velocizzazione Roccapalumba-Marianopoli (25km); e «vari interventi di potenziamento e velocizzazione» della linea esistente.
La seconda macro-fase è il completamento del raddoppio Raddusa-Enna-Fiumetorto. Si parla ancora di studi di fattibilità, con tre ipotesi di Rfi al vaglio della Regione.

Nodo di Palermo
Prevede il raddoppio del passante ferroviario del capoluogo, diviso in 3 tratte (A-B-C), tutte appaltate e una (B) ancora da avviare, per un costo complessivo di 1,19 miliardi di euro.
I lavori sono stati consegnati al contraente generale “Nodo di Palermo Scpa” il 22 agosto 2008. Secondo il cronoprogramma originario di Rfi, la tratta A (Pa Centrale-Notarbartolo) dovrebbe essere ultimata entro l’anno; la C (La Malfa-Carini) che permette il collegamento all’aeroporto di Punta Raisi, entro il 9 giugno 2014; mentre la B (Notarbartolo-La Malfa) il 30 marzo 2018.
A Palermo, inoltre, entro fine mese saranno aperti finalmente, dopo anni di contenziosi, i cantieri per l’Anello ferroviario; vi è poi la velocizzazione Palermo-Agrigento (“Variante 2.1”) che includono la nuova galleria naturale “Lercara” (pronta nel 2015); e infine, il raddoppio della tratta “Fiumetorto-Ogliastrillo-Castelbuono” (31,9 km) della Palermo-Messina, con diversi problemi e rallentamenti.

Rete messinese
Oltre alla “Giampilieri-Fiumefreddo”, e al collegamento “Castelbuono-Patti”, bisognerà ultimare il collegamento con Siracusa, con la velocizzazione della tratta “Bicocca-Augusta” il cui costo ammonterebbe a circa 81 milioni di euro interamente finanziato, con attivazione pianificata nel 2015.

Collegamenti strategici
Non mancheranno nel Contratto istituzionale di sviluppo, che sarà firmato a giorni, anche gli studi di fattibilità che Rfi allegherà per collegamenti agli aeroporti di Comiso e Trapani, al porto di Augusta e all’interporto di Termini Imerese.
In attesa della firma ufficiale, i pendolari siciliani possono ben sperare. Sembra sia davvero la volta buona che dalle parole si passi agli investimenti concreti.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.