Il Piemonte leghista rischia il default. Rimanderanno mica un’altro “garibaldino”?!?

<strong>Il Piemonte leghista rischia il default</strong>. Rimanderanno mica un’altro “garibaldino”?!?

Last updated on Novembre 27th, 2012 at 07:34 pm

Il Piemonte, Regione brandizzata Lega Nord dal 2010, è in default. La Corte dei Conti stima il buco in 6,4 miliardi di debito, ma c’è chi calcola sia di circa 10 miliardi. Il governatore Cota ha già perso la maggioranza ma è stato salvato dal Pd. E ha detto di non sapere come pagare gli stipendi di dicembre 2012.

Il flop della Lega Nord in Piemonte

Roberto Maroni aspira a governare la Lombardia per poi unire in una sorta di “euroregione del Nord” le altre Regioni come il Veneto ed il Piemonte.

Temo, però, che non possa contare sull’appoggio politico di quest’ultima. Infatti durante la votazione per la riconferma del presidente del consiglio regionale, Cota ha perso per strada 5 consiglieri del gruppo Progett’Azione (Angelo Burzi, Roberto Boniperti, Roberto Tentoni, Rosanna Valle e Gian Luca Vignale), già fuoriusciti dal Pdl, che hanno deciso di abbandonare la maggioranza per una poltrona, quella appunto della presidenza del consiglio rivendicata per rimanere in cambio a fianco di Cota.

Numeri che non tornano nemmeno nei bilanci della Regione. Sul debito, infatti, si registrano numeri raccapriccianti. Secondo la Corte dei Conti il debito totale della Regione Piemonte ammonta a 6,44 miliardi di euro. Un dato inferiore alle stime del governo regionale, ma che, secondo uno studio recentemente elaborato dal Centro Pio La Torre è identico a quello siciliano (circa 10 miliardi).

L’indebitamento è cresciuto dal 2006 ad oggi dell’81%. Sugli 11 miliardi, il 90,32% è stato destinato alle spese correnti e al funzionamento della macchina amministrativa, di cui 19,6 milioni per trasferimenti a società controllate e di cui oltre 8 miliardi per la spesa sanitaria, mentre alla voce investimenti sono arrivate solo le briciole: il 6,7%.

Cara Lega Nord, ma il federalismo fiscale non doveva far emergere la vostra buona politica? Non doveva dimostrare all’Italia che solo la Sicilia ed il Sud Italia sà governare e spendere male le risorse pubbliche? Ed ora, come la mettiamo!?!

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.