La doppia sfida di GeoStockPhoto

La doppia sfida di <strong>GeoStockPhoto</strong>

Cosa vuol dire sfidare mercati più grandi con un servizio innovativo e affrontare la competizione nei panni di una start up italiana?

Ce lo spiega Marco Cannizzaro, ideatore e fondatore di GeoStockPhoto.

Marco Cannizzaro, ideatore e fondatore di GeoStockPhoto.

“Chi avrebbe mai detto che comprare una reflex all’ombra dell’Empire State Building si sarebbe trasformato prima in una passione e poi in un lavoro?”.

Marco Cannizzaro ha iniziato nel 2009 a caricare le sue foto sui microstock, ma per lui, ingegnere informatico giramondo, era troppo poco. I fotografi meritano di meglio: potrebbero vendere le proprie foto a un prezzo equo e in un modo mai sperimentato prima.

È nato così GeoStockPhoto, il primo marketplace di fotografia dedicato esclusivamente alle immagini georeferenziate. Tutte le foto caricate sulla grande mappa del sito contengono, infatti, i dettagli sul luogo in cui sono state scattate. Una spiaggia da sogno in Tailandia, la fauna del Parco Nazionale dello Stelvio, il Taj Mahal, la natura incontaminata del Tagikistan, le capitali europee, il circuito Moto GP di Indianapolis: il portfolio di GeoStockPhoto aumenta ogni giorno con immagini caricate da ogni parte del mondo.

L’iscrizione a GeoStockPhoto è gratuita, e consente ai fotografi di guadagnare fino all’85% su ogni immagine venduta. Inoltre, “è il proprietario della foto che fissa il prezzo e il tipo di licenza che vuole applicare a ogni immagine”, sottolinea Marco, “perché GeoStockPhoto non è un microstock, ma una community di professionisti, dove ogni utente riconosce il valore del lavoro degli altri”. Infatti, gli iscritti possono valutare le foto dei colleghi, considerando la qualità tecnica dello scatto e la particolarità del soggetto. “Le stellette non si assegnano solo per la quantità di foto vendute, ma soprattutto per la bravura di chi sta dietro all’obiettivo”.

Le vendite su GeoStockPhoto apriranno a breve, intanto tutti gli iscritti possono approfittare di un bel regalo di benvenuto, la promozione 100x100x100. Chi inserirà almeno 100 immagini su GeoStockPhoto otterrà il 100% dei ricavi sulle vendite per i primi 100 giorni (conteggiati a partire dall’apertura del marketplace). Basta caricare le foto sul proprio profilo utente e il gioco è fatto: “Ho sempre pensato che la parte dell’upload fosse l’ostacolo più grande: io stesso sono stato spesso disincentivato da procedure troppo lunghe e complesse. Per questo il processo di inserimento dei dati che abbiamo creato è studiato per non far perdere tempo ai fotografi: tutto si svolge in un’unica pagina ed è possibile inserire anche i dati di più foto contemporaneamente.”.

Per ognuno che vende, c’è un altro che compra. GeoStockPhoto non è solo un’ottima vetrina per i fotografi, ma anche un ricco bacino di immagini per il singolo utente e per acquirenti business. Le foto georeferenziate sono materiale di pregio per agenzie di comunicazione e pubblicità, editori tradizionali e web-based, operatori del turismo e fotografi professionisti, oltre a tutte le persone che, essendo colpite da un panorama asiatico o dallo skyline di una metropoli occidentale, decidono di comprarli per sé.

Il debutto di GeoStockPhoto non è solo una buona notizia per il mondo della fotografia, ma anche per quello del lavoro sul web, che è fatto di energie e idee giovani, originali e competenti. GeoStockPhoto, infatti, è una start up, nata in collaborazione con Treatabit e I3P, incubatore di imprese del Politecnico di Torino. “Questa è stata la nostra fortuna, perché siamo stati appoggiati da uno dei migliori incubatori italiani. Essere startupper significa avere un’idea che non ti fa dormire la notte (letteralmente parlando!), per esserlo in Italia poi non ti basta neanche il giorno! Realizzare un progetto grande ed ambizioso come GeoStockPhoto con budget quasi nullo, mentre bisogna sempre tenere il proprio vecchio lavoro per mantenersi economicamente, è comunque molto impegnativo. Questa situazione impedisce la nascita di nuove start up e rallenta il successo di quelle che hanno superato la paura iniziale. Ma noi di GeoStockPhoto non molliamo, perché ci piace essere pieni di idee e affrontare sempre nuove sfide: siamo solo all’inizio del nostro percorso”.

 

GeoStockPhoto è anche sui social network:

Twitter @GeoStockPhoto

Facebook facebook.com/geostockphoto

Google + GeoStockPhoto

Per maggiori informazioni, visitate geostockphoto.com o scrivete a info@geostockphoto.com.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.