Enna, tappa regionale dell’iniziativa GeniusLoci De.Co Sicilia

<strong>Enna</strong>, tappa regionale dell’iniziativa GeniusLoci De.Co Sicilia

Nella splendida cornice dell’Hotel Federico II di Enna si è svolto il Congresso Regionale Arte Cucina Enna.

Nino Sutera
Dott. Nino Sutera – Chef Angelo Franzò

Una giornata del made enogastronomico del territorio, tra storia e futuro del turismo, e della valorizzazione dei prodotti del territorio.

In occasione del Congresso, si è tenuta la presentazione della rete degli Ambasciatori dell’Identità Territoriale, nell’ambito del format GeniusLoci De.Co Sicilia per la valorizzazione dei prodotti del territorio.

L’importante appuntamento, oltre a riunire i cuochi della Regione, e gli alunni dell’Istituto Alberghiero Federico II di Enna, per discutere di sviluppo della professione in un’ottica di modernizzazione di metodi, ricerche, tecniche e lavorazioni, dell’enogastronomia regionale ancorché di prodotti a denominazione comunale, vanto della migliore tradizione dell’isola.

Ha coordinato i lavori lo chef Angelo Franzò impegnato da anni, in un lavoro di sviluppo dei valori professionali di una categoria un tempo poco considerata, ma che a pieno titolo ricopre oggi un ruolo di primo piano nello sviluppo della qualità non solo della ristorazione ai vari livelli, ma anche nella promozione del turismo che ricerca sempre più la qualità ed apprezza la riproposizione sincera e genuina dei piatti di un tempo non contaminati dalla “modernità”.

Hanno presenziato autorevoli relatori: Apertura dei lavori e saluti Davide Selvaggio Direttore amministrativo del Federico II^ il Prof. Antonino Sportaro dell’ Istituto Professionale Statale Federico II rimarcando il ruolo didattico dell’istituto, attraverso la valorizzazione delle tradizioni alimentari è diventata un elemento fondamentale per lo sviluppo di un territorio. Essa non ha soltanto implicazioni, per quanto importanti, sul piano dell’identità, della cultura e dell’immagine ma rappresenta un investimento ad alto valore aggiunto per l’intera economia. Le imprese agricole, industriali, artigianali, commerciali e della ristorazione formano, insieme, un sistema agro-alimentare qualitativamente valido e ricco di prospettive economico sociali.

Carmelo Corona: Sommelier professionista il paese del vino che non conosce il vino ha focalizzato l’intervento sul vino, nettare degli dei, elemento di sicura attrattività della regione. Parliamo spesso dei grandi territori del vino come attrattori ma è necessario che la sinergia virtuosa tra pubblico e privato, il rispetto e il recupero del territorio e la genuinità del legame dei protagonisti della filiera con la loro terra, attiri anche progetti di formazione, facendo crescere la dimensione “geografica” e “funzionale” dei territori stessi, affinchè la maggiore conoscenza del vino sappia innescare il volano di sviluppo territoriale.

In fine il Dott. Nino Sutera, direttore Lurss Onlus, La De.Co. Ambasciatore dell’Identità territoriale” Noi ci ispiriamo a un modello di De.Co per la Sicilia, che valorizza il territorio, ma soprattutto, a burocrazia zero e chiaramente a costo zero, per le aziende, per le istituzioni e per i cittadini, dove gli elementi essenziali di relazionalità sono Territorio-Tradizioni-Tipicità-Tracciabilità-Trasparenzache rappresentano la vera componente innovativa. La Denominazione Comunale è un concreto strumento di marketing territoriale, ma è soprattutto un’ importante opportunità per il recupero e la valorizzazione delle identità locali.

L’Italia, è il “paese dei Comuni”, ognuno di essi è un’occasione, di turismo, di cultura, di sapore … di unicità. Per garantire la sostenibilità di una De.Co. occorrono tuttavia due principi, la storicità del prodotto da promuovere, perchè si eviti improvvisazioni che possono nascere da meri interessi commerciali. e la De.Co. come espressione di un patrimonio collettivo e non a vantaggio di una singola azienda. Si tratta di un sistema innovativo che vuole difendere il locale rispetto al fenomeno della globalizzazione, la quale tende ad omogeneizzare prodotti e sapori. Per fare ciò bisogna coinvolgere tanti appassionati, tantissimi innamorati dei luoghi in cui dimorano, ed ecco gli ambasciatori dell’identità territoriale. I prodotti identitari, sono ambasciatori di un territorio, elementi di riconoscibilità e di appartenenza. Il recupero della memoria storica del territorio per una efficace valorizzazione delle risorse endogene.

Ormai conclude Nino Sutera, quasi tutte le settimane ci sono iniziative legate al format GeniusLoci De.Co. che rappresenta un modello mutuabile nelle diverse realtà identitarie regionale.

Prossimo appuntamento a Sciacca.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.