Ecologia e Moda

<strong>Ecologia</strong> e <strong>Moda</strong>

C’è un nuovo trend che si sta diffondendo sempre di più nella moda bimbi. Non riguarda i colori, il design o gli accessori, ma tessuti, produzione e attitudine.

Original Marines_royal punkÈ il trend dell’ecosostenibilità, che sta prendendo sempre più piede grazie al fatto che moltissime case di moda hanno capito che l’allarme ambiente non si può più ignorare e che tutti dobbiamo cominciare a muoverci concretamente per risolvere il problema della crisi ecologica.

Così, marchi come Original Marines, leader nel settore della moda bimbo, hanno rivoluzionato i loro metodi di produzione per creare capi d’abbigliamento che non siano solo belli e di qualità per il cliente, ma anche per l’ambiente.

I nuovi capi di abbigliamento sono prodotti con materiali biologici al 100%, completamente privi di qualsiasi additivo chimico, traspiranti e delicati sulla pelle, che non rischia irritazioni o infiammazioni. I materiali più utilizzati sono il cotone e il lino, tutti provenienti da coltivazioni controllate e completamente naturali, così da poter essere riutilizzati e riciclati una volta dismessi.

Il marchio Orginal Marines, poi, ha stretto da tempo un accordo con il Cotton Council International che certifica che il marchio utilizza solo ed esclusivamente “Cotton Usa”, una fibra che offre il massimo della resistenza e della versatilità, senza però rinunciare a un tessuto completamente naturale ed ecologico.

Questo tipo di trend, inoltre, è un grande insegnamento per i più piccoli, prendendosi cura non solo del loro presente, ma anche del loro futuro e dimostrando come sia importante avere un occhio di riguardo nei confronti di questo tipo di tematiche.

Così, sono tantissimi i marchi che stanno adottando la linea “green”, optando per scelte responsabili non solo da un punto di vista sociale, salvaguardando i loro clienti e i loro lavoratori, ma anche ambientale, utilizzando materiali ecosostenibili e naturali e salvaguardando le aree dove si trovano i loro stabilimenti di produzione.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.