Autocertificazione Coronavirus per gli spostamenti: arriva il formato digitale

Autocertificazione Coronavirus per gli spostamenti: arriva il formato digitale

La norma introdotta dal governo impone a tutti gli italiani di evitare qualsiasi spostamento. Tutti devono limitare le uscite a meno che non ci siano indifferibili esigenze lavorative o gravi esigenze familiari o sanitarie. È possibile uscire anche per altre ragioni, come la necessità di andare a fare la spesa o in farmacia. Da martedì 10 marzo è necessario giustificare i propri spostamenti con un modulo, un’autocertificazione, che testimoni il motivo per cui non ci troviamo nella nostra abitazione. O bisogna fare una dichiarazione verbale nel momento in cui ci fermano. Bisogna scaricare il Pdf dal sito del Viminale, compilarlo e poi portarlo con sé.

Ora non è più indispensabile avere con sé una copia cartacea del certificato, si può anche utilizzare una versione digitale da tenere sul cellulare.

Un programmatore trentenne di Cagliari, Cristian Pibia, ha creato una web app gratuita con cui è possibile mostrare l’autocertificazione alle forze dell’ordine in caso di fermo in modo semplice ed ecologico, visto che elimina la necessità di stampare il Pdf.

All’interno c’è anche una sezione dedicata alle forze dell’ordine perché possano essere agevolati nella registrazione delle motivazioni per cui i cittadini sono in movimento. Grazie a un codice a barre, potranno acquisire sui loro dispositivi l’autocertificazione. Qui il link per scaricarla.

È un sistema ufficiale?
Non è un sistema ufficiale del Governo o della Regione. È una semplice web-app che permette di creare con facilità e pochi click una autocertificazione degli spostamenti.

È valido come certificato?
Risposta: Si. Il certificato è valido ai fini dimostrativi e firmato digitalmente. La firma viene applicata digitalmente con il proprio nome e cognome, Data ufficiale e indirizzo ip al momento della firma. Il documento è redatto secondo il DCPM del 9 Marzo 2020 e verrà costantemente aggiornato in caso di successive modifiche.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.