Instagram. Boom di click, Instagram conquista 7,3 milioni di appassionati

<strong>Instagram</strong>. Boom di click, Instagram conquista 7,3 milioni di appassionati
Instagram

Boom di click, in tutti i sensi. In appena sei mesi Instagram – l’applicazione gratuita che permette di scattare foto, applicare filtri, e condividerle su numerosi servizi di social network, compresi Facebook, Twitter e Foursquare – è passata da 886mila utenti mobile al giorno a 7,3 milioni. Un dato impressionante se si pensa che avrebbe superato Twitter – e già ad agosto – per numero medio di utenti da smartphone e tablet: l’uccellino è fermo a 6,9 milioni di twittatori mobili.

Un risultato ragguardevole, anche se – stando ai dati raccolti dalla società di analisi CamScore – Twitter conta nel complesso 29 milioni di utenti unici complessivi su piattaforma mobile, contro i 22 milioni di Instagram. Alla luce della galoppante crescita registrata negli ultimi sei mesi, tuttavia, non è escluso che Instagram possa fare un altro balzo avanti nel prossimo anno. Il successo dell’app non potrà che fare piacere a Facebook, che il 9 aprile 2012 ha annunciato l’acquisizione di Instagram e dei suoi 13 impiegati, per circa 1 miliardo di dollari divisi tra denaro e azioni. Acquisizione completata il settembre scorso. L’utenza mobile, infatti, è quella che rende di più a livello pubblicitario e i ricavi pubblicitari in arrivo dal mobile stanno per crescere con percentuali di almeno due cifre. Fino a oggi, Twitter ha vinto su Facebook incassando di più dalla pubblicità riversata su smartphone e tablet.

Al di là dell’aspetto economico, il successo di Instagram non sta solo nel fatto che tutti si possono sentire un po’ fotografi: gli scatti condivisi non parlano solo del soggetto ritratto, ma raccontano soprattutto qualcosa dell’autore. Questa è la condivisione: frazioni di sé lanciate su una piazza pubblica verso una community pronta a recepire, scambiare, dialogare. E’ anche così che si delinea la propria identità sociale online ed è su questa voglia di raccontarsi e attendere un feedback che si basa il successo di molti social network e delle app che gli girano intorno.

E’ da questa intuizione che nasce Posse. Pensiamo a tutti i luoghi che abbiamo visitato nella nostra vita e immaginiamo di metterli tutti in fila, lungo un percorso virtuale in cui è possibile prendere una birra a ‘U cerneho vola’ a due passi dal castello di Praga, gustare un crème caramel di Thoumieux a Parigi, leggere un libro alla biblioteca El Ateneo a Buenos Aires, guardare uno spettacolo al Broadway theatre di New York, e tornare a dormire in un’indimenticabile baita della Valtellina.

Ecco cos’è Posse, il nuovo social network che ti permette di costruire la tua strada ideale con i posti che ti piacciono di più, e poi incrociarla con le strade dei tuoi amici (di Facebook). Posse ha un grande vantaggio rispetto ai concorrenti perché permette di condividere i luoghi preferiti, con tutti i commenti e le recensioni, con i propri amici e non con perfetti sconosciuti. Ma a parte le strategie di marketing che girano attorno a ogni motore di ricerca o rete sociale, Posse ha una serie di caratteristiche davvero piacevoli: la grafica, che ricorda i disegni dei bambini; il linguaggio, che è semplice e mette a proprio agio qualunque utente; gli strumenti, che servono a rendere speciale la propria strada, raccogliere punti o vincere sconti e regali con lo “zampino” di Groupon.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.