I nostri figli mangiano poco frutta e verdura. L’UE stanzia 90mln di euro per promuoverne il consumo

Finanziamenti dall’Ue

Quanta frutta e verdura mangiano i bambini italiani? Poca, molto poca.

Lo sostiene il ministro dell’agricoltura, Mario Catania, intervistato durante una mostra fotografica (vedi video) “tutti pazzi per la frutta” dal nome del concorso che è stato lanciato durante un progetto europeo “frutta nelle scuole”.

Il ministro auspica che le famiglie italiane possano tornare a comprendere l’importanza del “senso della stagionalità” del prodotto e di conseguenza orientare le scelte familiari ad un uso migliore e regolare di frutta e verdura nell’alimentazione quotidiana.

“L’Italia – continua il ministro dell’agricoltura  – consuma poca frutta ed è importante che i bambini ne percepiscano l’importanza. Per questo, sette anni fa chiesi all’Unione europea un progetto per far consumare più frutta ai bambini nelle scuole. L’iniziativa venne approvata nel 2009”.

L’Unione Europea, per la stessa iniziativa, stanzia ai Paesi membro, 90 milioni di euro. L’italia è il paese che ne prende di più, circa 20 milioni, a cui si aggiungono 15 milioni erogati dallo Stato italiano per un totale di 35 mln che vanno nel programma per avvicinare i bambini alla frutta.

Ma quanti di questi milioni finiranno alla Sicilia?

 

Giacomo Lanzarone

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.