Micciché. Non escluso l’indipendenza della Sicilia.

<strong>Micciché</strong>. Non escluso l’indipendenza della Sicilia.

Con l’Europa bisogna trattare direttamente come hanno fatto la Scozia e le altre regioni forti d’Europa. La Sicilia ha la possibilità e le potenzialità per riprendersi da sola. Il pareggio di bilancio lo possiamo raggiungere aumentando la ricchezza e non tagliando solamente.

Giangranco Micciché

Così il candidato alla Presidenza della Regione siciliana, Gianfranco Miccichè, nel corso di un incontro elettorale a Siracusa. ”Roma e Bruxelles – aggiunge Miccichè – devono togliere i vincoli assurdi che non ci consentono di crescere, penso al patto di stabilità, il Durc e quant’altro. Da Roma e Bruxelles dobbiamo ottenere tutto quello che serve per il nostro sviluppo e se non lo otterremo non dovrà essere considerata una follia, cioè pensare che sia esclusa a priori, la possibilità – conclude Miccichè – di un referendum per l’indipendenza della Sicilia, così come nel 2014 faranno Scozia e Catalogna”.

Micciché si legga la Costituzione. Un referendum per l’indipendenza della Sicilia non è previsto.

Lo scrive su twitter Giovanna Marano, candidata alla presidenza della Regione con le liste Fava-LiberaSicilia e Idv, in risposta ad una dichiarazione rilasciata oggi dal candidato di Grande Sud.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.