Ingroia sulla trattativa Stato-mafia: “Presto avrò le mani libere e dirò tutto”

<strong>Ingroia sulla trattativa Stato-mafia</strong>: “Presto avrò le mani libere e dirò tutto”

Andrà in Guatemala in veste Onu anche per dire sulla trattativa Stato-mafia tutto quello che sa e che non ha potuto dire in Italia in veste di magistrato. Il procuratore aggiunto a Palermo, Antonio Ingroia, dovrebbe assumere il nuovo incarico a novembre.

A quel punto si sentirà «con le mani più libere» per fare, «magari, una denuncia pubblica».

Antonio Ingroia

Ingroia non ha mai nascosto di ritenere che i fili della mafia portino alle alte sfere. Lo ha ribadito davanti agli studenti dell’università di Firenze: «Ci sono molti in Italia, dentro la mafia, dentro le istituzioni, ex uomini delle istituzioni, che» sulla trattativa «la verità la sanno tutta» e bisogna «fra virgolette costringerli a dirla», bisogna vincere le loro «omertà» e i loro «depistaggi».

Secondo il magistrato, la polemica contro i pm di Palermo è stata scatenata proprio «per non affrontare i temi della trattativa e della verità su quelle stagioni». E se le indagini ci sono state è anche grazie a «quell’Italia e a quel movimento che chiedeva verità e giustizia».

Le polemiche «fanno male e questo finisce per danneggiare anche l’immagine delle indagini e dell’ufficio» ha detto Ingroia, ammettendo che anche quelle hanno influito sulla decisione di accettare l’incarico in Guatemala. Spera che finiscano.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.