Antonello Cracolici: “All’anti-politica si risponde con la buona politica”

<strong>Antonello Cracolici</strong>: “All’anti-politica si risponde con la buona politica”

Il suo nome non è mai entrato ufficialmente nella girandola di presunti assessori. Cracolici, capogruppo del Pd all’Ars nella passata legislatura, fautore dell’appoggio «tecnico» alla giunta Lombardo, finora è stato in silenzio.

L’ex-capogruppo del Pd all’Ars punzecchia Crocetta: prenota la scranno più alto di Sala d’Ercole?

Ha osservato rimanendo defilato. D’altronde, il compito di portare avanti le trattative spetta al segretario del partito, Lupo. Però, nell’ambito di una manifestazione a sostegno della candidatura alle primarie del centrosinistra di Bersani, promossa insieme con il senatore Lumia e il coordinatore della segreteria nazionale, Migliavacca, ha lanciato un messaggio che suona come avvertimento al presidente della Regione: «Crocetta sta portando avanti un progetto importante, ma serve equilibrio fra la necessità d’interpretare il sentimento di anti-politica e la necessità di portare avanti la buona politica.

Crocetta – ha continuato – è il presidente del popolo siciliano ed è giusto che colga anche il sentimento di chi non lo ha votato e di chi non è andato a votare. Ma, ripeto: all’anti-politica si risponde con la buona politica, non facendo a gara a chi è più anti-politico».

Evidentemente, l’ultimatum lanciato in mattinata da Crocetta ai partiti per il completamento della giunta di governo, a Cracolici non sarà piaciuto. Ancor meno, verosimilmente, il progetto di dare vita a un proprio movimento annunciato nei giorni scorsi dal presidente della Regione. Nel salone in cui si è svolta la manifestazione a favore di Bersani, non è passata inosservata la presenza dell’ex-assessore alla Salute, Russo, e quella del dirigente generale dei Beni culturali, Gesualdo Campo. Entrambi hanno avuto ruoli di primo piano nell’amministrazione Lombardo.

«Credo – ha aggiunto Cracolici – che il governo debba avere un profilo e un progetto politico, a prescindere dalla presenza di deputati in giunta. La rivoluzione in Sicilia si fa con le regole; cioè, con le leggi che devono essere approvate dall’Assemblea: dunque, senza l’Assemblea, non si fa la rivoluzione. Il Pd è la principale forza della coalizione di governo alla Regione; mi auguro che il partito sia all’altezza del ruolo e che non prevalgano ancora una volta i tatticismi. Prima, a Roma, ci guardavano come i panda: quelli da proggere perché andavamo incontro a sconfitte annunciate.

Grazie al lavoro che abbiamo fatto in questi anni e con la candidatura di Crocetta, abbiamo stravolto un copione che sembra già scritto». Aspira alla presidenza dell’Ars? Lumia ha parlato di «svolta epocale alla Regione». LaSicilia

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.