Mafia. Strage Rapido 904, Totò Riina é il mandante

<strong>Mafia</strong>. Strage Rapido 904, Totò Riina é il mandante

La Procura di Firenze ha concluso le indagini per la strage del treno Rapido 904, che il 23 dicembre 1984 provoco’ la morte di 16 passeggeri.

Totò Riina
mandante strage rapido 904
23 dicembre 1984

Tra gli indagati figura Toto’ Riina, l’ex capo di Cosa Nostra, accusato di essere il mandante della strage, in concorso con altri boss mafiosi.

Le indagini della Procura fiorentina, diretta da Giuseppe Quattrocchi, sono durate circa un anno e sono giunte a conclusione con la notifica in carcere a Riina e agli altri affiliati di Cosa Nostra della conclusione dell’inchiesta.

La nuova inchiesta era iniziata a Napoli piu’ di due anni fa ma poi su decisione della Cassazione e’ stata trasferita a Firenze.

Secondo gli inquirenti, la strage del Rapido 904 sarebbe stata la risposta dei boss corleonesi agli arresti legati al maxi processo di Palermo del 1984.

Le Vittime

Abramo Vastarella
23/03/1955
Napoli
Carpentiere

Anna Maria Brandi
05/06/1958
Hainee St.Paul
La Louvriere (Belgio)
Laureanda in Lettere Moderne

Carmine Moccia
18/04/1953
Luogosano (AV)
Operaio meccanico

Federica Taglialatela
11/06/1972
Napoli
Studentessa 2^ Media

Gioacchino Taglialatela
(Deceduto in seguito per le ferite subite )
26/04/1937
Ischia (NA)
Geometra

Giovanbattista Altobelli
01/05/1933
Acerra (NA)
Operaio

Luisella Matarazzo
26/01/1959
Torino
Studentessa in Farmacia

Maria Luigia Morini
Nata nel 1939
Imola (BO)
Vigilatrice d’infanzia

Pier Francesco Leoni
11/03/1961
Parma
Laureando in Legge

Susanna Cavalli
17/01/1962
Gaiano (Parma)
Studentessa Facoltà di Lettere e Filosofia

Valeria Moratello
06/03/1962
Verona
Studentessa in Farmacia

Lucia Cerrato
11/11/1908
Napoli
Pensionata

Nicola De Simone
01/05/1944
Napoli
Operaio spec. ENEL

Giovanni De Simone
10/05/1980
Napoli

Anna De Simone
21/12/1975
Napoli
Scolara 3^ Elementare

Angela Calvanese in De Simone
10/08/1951
Napoli
Insegnante Scuola Materna

 

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.