Ex-lombardiani guidano la pattuglia dell’Udc isolana: “Saremo i primi”

Ex-lombardiani guidano la pattuglia dell’<strong>Udc isolana</strong>: “Saremo i primi”
Giovanni Pistorio

Aspettando Monti, le forze politiche che tifano per una sua candidatura alla presidenza del Consiglio – Udc, Fli, la fondazione ItaliaFutura – cominciano già a predisporre strategie e candidature in vista della consultazione per eleggere Camera e Senato.

Lo Scudo crociato siciliano, intanto, ha accolto tra le sue file il deputato regionale D’Agostino e il senatore Pistorio, entrambi ex-Mpa come Leanza, che aveva deciso di aderire all’Udc, mentre Lombardo era ancora presidente della Regione.

Aspettando Monti, si cominciano a fare anche i primi calcoli. Pertanto, per superare lo sbarramento dell’8% per il Senato sarà presentata una lista unica. Ma non si esclude che ciò possa avvenire anche per la Camera. «Stiamo valutando», si limita a dire il segretario dell’Udc, D’Alia, nell’attesa di capire quali siano le reali intenzioni di Monti: non si candiderà, essendo già senatore a vita, ma potrebbe essere indicato come premier dalla coalizione.

Nel caso in cui Monti dovesse farsi da parte, la candidatura più probabile sembra quella del capo dell’Udc, Casini. Secondo Pistorio, l’adesione all’Udc è vero e proprio ritorno a casa. Perché? «Cambia il mondo, credo che occorra organizzare un’area che eviti al Paese di sbandare nel populismo di Berlusconi e che scongiuri il fatto che il Pd venga condizionato dalla sinistra radicale. Dal 2008 l’Udc ha sempre fatto scelte rischiose e rigorose, andando da sola e sostenendo Monti. In Sicilia c’è la possibilità di costruire il partito più forte dell’Isola, ma la stessa possibilità c’è anche in Italia. Si chiude un anno, una legislatura e anche una stagione politica. Abbiamo sperimentato, nell’esperienza autonomista, la frustrazione di non essere presi in considerazione a livello nazionale».

Un giudizio tombale sull’esperienza vissuta nell’Mpa e poi come segretario del Partito dei siciliani che ha sempre avuto il suo baricentro nel capoluogo etneo. «A Catania – ha aggiunto Pistorio – abbiamo fatto la scelta di stare tutti insieme, a cominciare da Leanza. Una scelta del segretario dell’Udc, D’Alia, che è riuscito a costruire un partito aperto, molto diverso dal passato, pronto a nuove sfide. Le elezioni politiche saranno un banco di prova molto importante. Io sono sempre stato impegnato a costruire alleanze, in particolare con l’Udc. Sono stato contrario all’ultima rottura, dopo quella del 2005». Lillo Miceli Lasicilia

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.