Rosario Crocetta: “non si illudano i criminali di portare avanti scelte scellerate, perche’ lo Stato e’ piu forte”

<strong>Rosario Crocetta</strong>: “non si illudano i criminali di portare avanti scelte scellerate, perche’ lo Stato e’ piu forte”

Non si illudano i criminali di portare avanti scelte scellerate, perche’ lo Stato e’ piu forte, come dimostra la grande operazione di polizia guidata oltre che da Giovanni Giudice, dal gip Bonaventura su richiesta della Dda nissena. Il clan di Giuseppe Alferi, inteso ‘u Jerru’, in questi anni si e’ caratterizzato per una serie di furti diffusissimi e in particolore quello del rame, imposizioni di prezzi della frutta, veri e propri atti estortivi, attraverso il meccanismo del cavallo di ritorno, e si contraddistingue proprio per la sua ferocia e capillarita’ della rete come dimostra il fatto che siano state arrestate 28 persone.

Rosario Crocetta
Rosario Crocetta

Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, esprime la propria “solidarieta'” nei confronti del dirigente della Squadra mobile di Caltanissetta, Giovanni Giudice, preso di mira dai clan mafiosi gelesi, che avevano pianificato la sua morte.

L’azione e l’operato di Giovanni Giudice testimoniano il grande impegno che le forze dell ordine quotidianamente esprimono nella difesa della liberta’ e la sicurezza dei cittadini. Con Giudice abbiamo lavorato in questi anni, insieme a Malafarina e all’associazione Antiracket di Gela, per scardinare il sistema mafioso gelese e tutti sanno a Gela e nella provincia di Caltanissetta, quale sia il suo impegno.

Il presidente della Regione siciliana fa le proprie congratulazioni alla dda di Caltanissetta e alla Polizia di Stato, al procuratore Sergio Lari e al questore di Caltanissetta Filippo Nicastro, “non solo la per brillante operazione di oggi, ma per l’impegno costante di contrasto efficace contro le mafie e il crimine organizzato. Il sucesso di oggi, che si aggiunge a un grande elenco, testimonia l’alto livello di competenza che magistratura e forze dell’ordine hanno raggiunto nel territorio siciliano”

 

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.