Best in Sicily 2013, le motivazioni sui quattordici premiati

<strong>Best in Sicily 2013</strong>, le motivazioni sui quattordici premiati

L’eccellenza enogastronomica siciliana anche quest’anno ha i suoi premiati. Il “Best in Sicily”, riconoscimento ideato e organizzato da cronachedigusto.it, promuove ciò che meglio rappresenta la Sicilia nel campo del gusto e dell’accoglienza.

Best in Sicily
Da sinistra alcuni dei premiati Best in Sicily 2013: Giuseppe Capuana (La Brace),
Luca Caruso (Hotel Signum), Mariella Taranto (Algilà Ortigia Charme Hotel),
Angelo Manna (Agrirape), Ignazio Iacono (Caffè dell’Arte),
Maria Caterina Burgarella, Giacomo e Nina Gatì (Az. Montalbo)

Ecco le motivazioni che spiegano il premio Best in Sicily dato ai migliori rappresentanti dell’eccellenza enogastronomica dell’Isola di questa edizione 2013.

La cerimonia ha visto riunirsi nelle sale del Castello Utveggio di Palermo ieri sera davanti alle telecamere, autorità, personaggi del mondo della finanza e della grande distribuzione, personalità del mondo delle associazioni di categoria per celebrare questi appassionati ambasciatori del Born in Sicily.

 

Best in Sicily 2013
Miglior produttore di vino
Giuseppe Russo
Azienda Girolamo Russo
Passopisciaro-Castiglione di Sicilia (Ct)


Giuseppe Russo e Antonio Rallo

Un modo di interpretare con sensibilità poetica e passionalità un luogo di nera, travolgente energia, riuscendo a incanalare con musicale armonia nel suo intimo ruolo di testimone, ogni espressione, ogni bellezza, ogni esplosione vitale in una bottiglia di vino.

 

Best in Sicily 2013
Miglior produttore di olio
Maria Caterina Burgarella
Fontanasalsa – Trapani


Maria Caterina Burgarella e Lucio Rossetto

Cerasuola specialmente. Ma anche Nocellara del Belìce, Giarraffa e Biancolilla, cultivar che passione e consolidata esperienza trasformano in olii extravergine di altissima qualità e di gusto che non perdono mai di vista il territorio. Il tutto con cura maniacale: dalla campagna, al frantoio fino alla conservazione.

 

Best in Sicily 2013
Miglior produttore di formaggio
Giacomo e Nina Gatì
Montalbo – Campobello di Licata (Ag)


Nina e Giacomo Gatì con Giuseppe Licitra

Almeno venti tipologie di formaggio ma un unico latte, quello della Capra Girgentana, dalle splendide, enormi e intrecciate corna. Coagulazione acido-lattica, caglio animale o vegetale, quello che importa è la maestria, la ricerca, la sperimentazione rivolte non solo a creare sublimi leccornìe ma specialmente a preservare e diffondere un animale salvato da una possibile estinzione.

 

Best in Sicily 2013
Miglior bar
Caffè dell’Arte
Modica (Rg)


Ignazio Iacono con Alessandro Chiarelli

Per noi il bar deve essere sinonimo di buon caffè. Nel nostro caso sarebbe restrittivo perchè una cinquantennale attività artigianale rivolta al gusto e all’eccellenza offre prodotti golosi con la cioccolatteria Modicana, i cannoli, con la pasta di mandorle pelate a mano, con le granite, le “mpanatigghie”, tipiche del territorio, che ne fanno non solo un bar ma una fantastica tentazione per il palato più esigente.

 

Best in Sicily 2013
Miglior fornaio
Maurizio Spinello
Forno Santa Rita
Caltanissetta


Maurizio Spinello con Giovanni Chelo

La gioia di vivere tra farine e campagne deserte. Con la voglia di difendere biodiversità e territorio. Un occhio ai grani antichi della nostra Sicilia, l’altro al rispetto dell’ambiente. E il traguardo sempre spostato in avanti. La sua giornata di lavoro coincide con i tempi delle lievitazioni. Il resto è profumo di pane caldo. Il tutto nel cuore della Sicilia più profonda.

 

Best in Sicily 2013
Migliore pasticceria
Dolcezze delle Madonie
Castellana Sicula (Pa)


Maurizio Paolo Di Gangi con Alessio Ponz de Leon Pisani

Pochi frutti possono identificarsi con la Sicilia come la mandorla. E dalla mandorla integra inizia l’attività di pasticceria di un minuscolo laboratorio all’ombra delle Madonie. Mandorla in tante declinazioni, una più buona dell’altra. Ma non solo: la cassata rivisitata, lo sfoglio di Polizzi col suo cuore di tuma fresca, fino ai biscotti da inzuppare nel latte. Un’attività piccola ma dalla grande passione, sostenuta dall’amore per la terra e i suoi prodotti.

 

Best in Sicily 2013
Miglior macellaio
Giacomo Tindaro Agostino Ninone
La Fiumara – Mirto (Me)


Giacomo Tindaro Agostino Ninone con Alessandro Chiarelli

Un territorio incontaminato, l’esperienza tramandata di padre in figlio e la passione per la qualità. Protagonista la materia prima dalla filiera cortissima. Un unico aggettivo per definire la bontà delle carni provenienti dai suoi allevamenti: fondente. Fiore all’occhiello della sua produzione un prosciutto crudo di suino nero dei Nebrodi che nulla ha da invidiare ai migliori “jamones” iberici.

 

Best in Sicily 2013
Migliore pizzeria
La Brace
Isnello (Pa)


Giuseppe Capuana con Michela Giuffrida

Non è solo questione di lievito, di tempo, di farina, di temperatura, di legno, di manualità, ma anche di sensibilità negli accostamenti e di qualità delle materie prime utilizzate. Perché non di solo pane vive l’uomo, ma anche di pizza. E nemmeno il ristorante è male.

 

Best in Sicily 2013
Miglior ristorante
Hotel Signum
Malfa – Isola di Salina (Me)


Da sinistra Giuseppe La Rosa, Luca Caruso, Salvatore e Nunzio Campisi

Per aver saputo interpretare con spirito creativo i piatti della memoria di un luogo di struggente bellezza, ispirati dalle ricette di famiglia, da materie prime inarrivabili e da viva passione, adeguandoli con sensibilità agli standard e alle tendenze internazionali del gusto.

 

Best in Sicily 2013
Miglior albergo
Algilà Ortigia Charme Hotel
Siracusa


Mariella Taranto con Giovanni Chelo

Una scommessa dettata dalla folgorazione per la Sicilia. Il luogo è quello fuori dal tempo, incantevole e incantato di Ortigia. Il resto è fatto di accoglienza, modernità, rispetto urbanistico, relax, cura del dettaglio. Perché ogni cliente è un viaggiatore che scatta immagini con la memoria.

 

Best in Sicily 2013
Miglior ambasciatore siciliano del gusto nel mondo
Leonardo Lo Cascio
New York – Stati Uniti d’America


Leonardo Lo Cascio

Da decenni negli Usa il vino italiano (e siciliano in particolare) passa attraverso il suo nome. Da Palermo, città in cui è nato, ha trovato Oltreoceano un’altra patria. Dove ha spiegato a varie generazioni cosa significa bere bene. Ed ancora oggi la società da lui fondata è sinonimo di vino di alta qualità, concretezza, sapienza, capacità di commercializzazione in un Continente che non finisce mai di stupirci.

 

Best in Sicily 2013
Migliore azienda conserviera
Agrirape
Leonforte (En)


Angelo Manna

Hanno cominciato con la pesca tardiva. Poi con la fava larga. Da piccola impresa familiare si sono fatti azienda agricola che conserva con grandissima cura il patrimonio agricolo di biodiversità che cresce dalle loro parti. E ora la voglia della sfida li ha portati anche a coltivare riso per riappropriarci di un po’ di storia. Basta e avanza.

 

Best in Sicily 2013
Miglior comune per l’offerta enogastronomica sul territorio
Chiaramonte Gulfi (Rg)


Vito Fornaro con Michela Giuffrida

Prima la tonda iblea e gli splendidi olii extravergini. Poi il Cerasuolo, vino che si fregia dell’unico marchio Docg in Sicilia. E i macellai, i ristoranti. E ancora le cantine, gli alberghi, le aziende agricole, le piccole strutture di turismo rurale che accolgono i forestieri. Un’enclave-simbolo che speriamo venga tanto emulata nella nostra isola.

 

Best in Sicily 2013
Premio Speciale Annalisa Sagona
Carlo Amodeo
Termini Imerese (Pa)


Carlo Amodeo con Dario Cartabellotta

Apicoltore di Termini Imerese per aver salvato dall’estinzione l’importante specie ape nera sicula e per produrre, grazie alla sua attività, tante varietà di miele rispettoso dell’ambiente, della tradizione e del territorio.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.