Crollo ponte Verdura, ecco le proposte per intervenire subito

<strong>Crollo ponte Verdura</strong>, ecco le proposte per intervenire subito
Ponte Verdura
Ponte Verdura

Fioccano da tutti gli ambienti le proposte per trovare una soluzione al problema della transitabilità della strada statale 115, da sabato mattina bloccata dal crollo del viadotto sul fiume Verdura, tra Ribera e Sciacca, e della ricostruzione, a breve scadenza, del ponte che era stato innalzato nel 1875 e che era stato allargato nel 1978. Le più interessanti e fattibili sono due-tre, già segnalate alla autorità istituzionali.

 

Ecco le tre proposte:

La prima è la richiesta dal parte della Protezione Civile regionale che, con Pietro Lo Monaco e Maurizio Costa, chiede all’Anas di attivarsi per verificare subito se le condizioni strutturali dell’impalcato in cemento armato della strada rimasto in piedi, con rinforzo delle pile di fondazione, possa essere utilizzato per il passaggio dei soli veicoli, a senso unico alternato. La proposta per combattere l’emergenza è stata accolta dal sindaco di Sciacca Di Paola che ha scritto alla Prefettura, alla Provincia, al Genio civile e ai sindaci del comuni i cui territori sono interessati dalle quotidiane difficoltà di comunicazione viaria.

La seconda è quella di un sopralluogo da parte di alcuni tecnici dell’Anas e del Genio militare pontieri, a nord e a sud del ponte crollato sul fiume Verdura, per individuare un eventuale passaggio a guado, sul quale potere realizzare un ponte mobile che consenta l’attraversamento e il collegamento per tutti i veicoli.

La terza è quella dell’attuale presenza sul corso d’acqua di un ponte, a sud, verso il mare, e di una passerella, a nord, verso la collina. Si tratta del ponte dell’ex ferrovia a scartamento ridotto Agrigento-Castelvetrano, che collegherebbe, attraverso due strade interpoderali di pochi chilometri, la Torre-Pupi-Camimello, la statale 115 interrotta. Il problema che il ponte e parte della strada rientrano nella proprietà privata di Sir Rocco Forte, il proprietario del Golf Resort Verdura con il quale si potrebbe instaurare un rapporto. Ponte e strada stanno per essere ripristinati proprio in questi giorni. La passerella sul fiume Verdura, invece, è raggiungibile dalla strada comunale di «Scirinda-Tragalleggi». Sia l’arteria rurale, in asfalto, che la passerella, in cemento, hanno bisogno di in intervento. Il sindaco Carmelo Pace potrebbe chiedere in intervento di riqualificazione urgente, così per come ha fatto per il comparto della sanità legato al funzionamento dell’ospedale di zona.

 

Le indagini
Sono già operanti sul territorio le indagini dell’inchiesta avviata dal procuratore capo della Procura di Sciacca Vincenzo Pantaleo circa eventuali responsabilità da accertare per il crollo del ponte sul fiume Verdura. Interrogatori e sopralluoghi vanno a braccetto. Sono già all’opera i carabinieri di Ribera e di Calamonaci che stanno ascoltando gli agricoltori che, con proprietà terriere ad agrumeto nella vallata del Verdura, in prossimità del ponte crollato sabato mattina hanno denunciato la presenza di crepe sulla volta e l’erosione dei piloni in tufo arenario dell’imporante e unica opera di comunicazione tra tre province.

Le indagini delle forze dell’ordine vogliono accertare se vi siano state delle responsabilità per i controlli da parte di chi doveva vigilare sullo stato di salute del ponte che quasi ogni anno viene investito dalle piene del fiume che spesso straripa, investendo giardini e opere pubbliche sul suo percorso. I carabinieri hanno voluto sentire anche i giornalisti che hanno riportato sulla carta stampata le dichiarazioni di rischio pendente sul ponte, rilasciate il 24 marzo del 2010, nei giorni successivi ad una fortissima piena del corso d’acqua. E’ stato chiesto ai dirigenti di un’emittente televisiva di Sciacca la registrazione del telegiornale di quella data, attraverso cui potere ricostruire tutta l’indagine.

Intanto, la Procura di Sciacca ha nominato dei periti e dei consulenti tecnici specializzati che hanno il compito di individuare tecnicamente le cause che hanno portato al crollo del basamento e della volta del vecchio ponte del secolo scorso.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.