Pesca del novellame, “Le marinerie della Sicilia meridionale non siano penalizzate”

<strong>Pesca del novellame</strong>, “Le marinerie della Sicilia meridionale non siano penalizzate”

Riceviamo e pubblichiamo.

Pesca del novellame, “Le marinerie della Sicilia meridionale non siano penalizzate”. I sindaci di Sciacca, Menfi e Castelvetrano incontrano l’assessore regionale Cartabellotta.

Sindaco Michele Botta
Sindaco Michele Botta

Evitare che ci siano disparità fra i pescatori siciliani e scongiurare che le marinerie di Sciacca, Menfi e Castelvetrano vengano penalizzate.

Per questo i tre sindaci Fabrizio Di Paola, Michele Botta e Felice Errante hanno chiesto all’assessore regionale alla Pesca, Dario Cartabellotta, di non limitare l’autorizzazione alla pesca del novellame solo al Mar Ionio e Tirreno escludendo le zone di mare tra Capo Feto e la foce del Pantano Longarini.

Una modifica al recente decreto assessoriale per estendere le autorizzazioni all’esercizio della pesca anche ai marittimi di Castelvetrano, Menfi e Sciacca, che tiene conto del numero esiguo di imbarcazioni presenti nell’area. Il documento unitario è stato sottoscritto ieri pomeriggio dai primi cittadini di Sciacca, Menfi e Castelvetrano che hanno incontrato l’assessore Cartabellotta insieme a una delegazione di pescatori.

“Menfi, Sciacca e tutte le altre realtà della Sicilia meridionale ieri hanno chiesto dignitosamente un diritto, concesso ad altri, e che permetterebbe loro di poter continuare a lavorare onestamente e con le stesse opportunità di tutti gli altri pescatori siciliani – ha detto Botta –  Tra l’altro la limitazione di pesca al proprio Compartimento marittimo di appartenenza garantisce la tutela del litorale, perché nessun peschereccio andrà a sottoporre la propria area di competenza a sfruttamento intensivo, ma farà in modo di garantire la sussistenza faunistica anche per le stagioni successive”.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.