Unione Terre Sicane: costi troppo elevati e nessun beneficio

<strong>Unione Terre Sicane</strong>: costi troppo elevati e nessun beneficio

L’ente sovracomunale doveva servire per ottimizzare alcuni servizi territoriali tra i Comuni consorziati.

Una serie di rinvii nell’esame della proposta di potenziamento della funzioni attraverso il trasferimento di alcuni altri servizi, allunga la lenta agonia dell’Unione dei Comuni Terre Sicane, l’ente sovra comunale che era stato creato oltre dieci anni fa nell’area agrigentina della Valle del Belice di unire le forze e limitare i costi di alcuni importanti servizi come rifiuti, polizia municipale e randagismo.

Unione dei Comuni Terre Sicane
Unione dei Comuni Terre Sicane

L’ennesimo atto di un copione che non porta ormai da nessuna parte è stato recitato a Menfi in occasione di una seduta del Consiglio comunale. Il potenziamento dei servizi è una proposta di alcuni mesi fa, ma i Comuni aderenti non riescono a ratificarla per poi portarla all’esame del consiglio dell’Unione.

All’ordine del giorno c’è da mesi il potenziamento della funzioni dell’Unione attraverso il trasferimento di alcuni altri servizi, ma il consiglio comunale ha preferito far rinviare nuovamente il punto per demandare alla prossima aministrazione il compito di decidere.

Anche negli altri Comuni oggi più di prima si ritiene che alla luce della ridisegnata mappa della geografia siciliana, con l’abolizione delle province, e in considerazione della difficile situazione economica degli enti locali, che implica riduzioni e tagli, appare anacronistico continuare a parlare di Unione dei Comuni.

Ma c’è anche chi, impegnato in questi giorni con la preparazione della campagna elettorale, parla di rilancio dell’Unione proponendo la gestione associata dei rifiuti urbani, il ruolo del difensore civico e lo sviluppo delle risorse umane. La verità è che oggi l’organismo sovra comunale sembra stare in vita solo per corrispondere i gettoni di presenza delle sedute a chi ne fa parte. Altro che erogare nuovi servizi e garantire standard alti con un risparmio di fondi comunali, oggi i Comuni aderenti trasferiscono risorse e la gente protesta per i servizi che non funzionano.

In oltre 10 anni di attività, gli unici servizi condivisi sono ufficio turistico, canile, promozione del territorio, con qualità che non è affatto superiore a quella di dieci anni fa. La dimostrazione è un portale web che non viene aggiornato. Non è mai stato attivato un servizio economico del territorio e il servizio stipendio e paghe dei dipendenti comunali prima attivato e poi revocato.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.