Gela. Articolo 4, movimento di donne e giovani

Gela. Articolo 4, movimento di donne e giovani

“Sono una cittadina disoccupata che ha sempre guardato alla politica”. Si è presentata in questo modo Maria Ferrera, la coordinatrice locale di Articolo 4 il partito che in consiglio comunale conta giù tre consigliere.
Una donna alla guida di un gruppo composto da giovani che sono scesi in campo.

lino-leanza-articolo-4“Ragazzi – ha spiegato il coordinatore provinciale e consigliere comunale Giuseppe Di Dio – che non hanno mai fatto politica. Una nuova forza che sta crescendo e stiamo lavorando per portare avanti le idee e creare un confronto costruttivo per ottenere un maggiore consenso tra i cittadini”.

E se alla Regione il movimento sta nella maggioranza in città “vigileremo” ha chiarito fin da subito Di Dio. “Non siamo stati folgorati lungo la via di Damasco – ha subito chiarito Di Dio – questa amministrazione è impossibile avere un rapporto di collaborazione. Siamo stati fino a questo momento responsabili. Grazie all’opposizione, anche ai consigliere dell’Articolo 4 molti atti deliberativi sono passati in consiglio comunale”.

Il coordinatore provinciale ha subito alzato i toni della discussione ed ha chiarito che “è meglio la veemenza al posto del falso perbenismo. Bisogna finirla con la politica del do ut des (ti do qualcosa in cambio di…) e poi non mi dite che non si fa politica clientelare in questa città. C’è un elenco di avvocati, eppure vengono scelti sempre gli stessi legali. La trasparenza è anche questa, permettere a tutti i legali inseriti nell’elenco di avere un incarico”. Diversi sono i temi che il consiglio comunale presto dovrà trattare, tra questi c’è il piano regolatore generale e “chissà quanti altri comizi contro mi faranno – ha evidenziato Di Dio – ero presidente del consiglio comunale quando dissi che il Prg non poteva essere adottato. Solo adesso si rendono conto che effettivamente è così e che la storia dei 5mila euro per inviare i documenti a Palermo non se l’è bevuta nessuno”.

Ormai è quasi tutto pronto, i dirigenti di Articolo 4 sono Gianni Domicoli, Davide Sincero, Annibale Cirignotta, Giuseppe Campo, Rosaria Placenti, Tommaso Vespo, Franco Pollicino, Maurizio Prodi, Dalila Castania, Giuseppe Fraglica, Luca Scimé, Marco Monaco.

E poi ci sono anche i responsabili di settore di viabilità se ne occupa Salvatore La Cognata, di fondi europei se ne occuperanno Giovanni Scicolone e Alessandro Spina, l’ex consigliere Guido Cirignotta si occuperà di urbanistica, mentre Diego Iaglietti e Giuseppe Susino dell’ambito universitario. Spazio anche alla tutela dell’ambiente con Salvatore Romano, al lavoro settore che viene affidato a Nuccio Vacca, ai lavori pubblici con Salvatore Campo, allo sport e disabili con Salvatore Mussoni, di sanità se ne occupa Claudia Bennici, mentre Liliana Belardita si occuperà di cultura e poi c’è l’avv. Giuseppe Sottosanti che si occuperà di solidarietà.

L. M. lasicilia

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.