Accoltellamento alla festa, condanna a 5 anni e 6 mesi per tentato omicidio

Accoltellamento alla festa, condanna a 5 anni e 6 mesi per tentato omicidio

Cinque anni e 6 mesi per tentato omicidio al romeno Condrea: il connazionale ferito era ex della sorella.

Cinque anni e 6 mesi di reclusione per tutti i capi d’imputazione a suo carico: tentato omicidio, minacce, porto ingiustificato di coltello. Il Tribunale di Sciacca ha concesso, però, le attenuanti generiche ad Andrei Condrea di 29 anni, romeno, accusato di avere accoltellato un connazionale, a Menfi, durante i festeggiamenti di Inycon.

E così la pena è scesa rispetto ai 9 anni e 9 mesi di reclusione che erano stati chiesti dal pubblico ministero. A quanto pare ci sarebbe stata una pregressa relazione tra la vittima dell’aggressione e la sorella di Condrea. Secondo la ricostruzione operata dai carabinieri della stazione di Menfi, dopo un lieve battibecco, Andrei Condrea avrebbe estratto un coltello.

Diversi fendenti che hanno colpito la vittima che poi è stato sottoposto ad intervento chirurgico, durante la notte, nell’unità operativa di Chirurgia dell’ospedale di Sciacca. L’arma utilizzata, un coltello a scatto con lama di circa 8 centimetri, è stata recuperata e posta sotto sequestro dai carabinieri. È stato Condrea, dopo i fatti, a presentarsi presso la stazione dei carabinieri di Menfi. Il romeno da quella sera non ha mai lasciato il carcere e adesso è detenuto a Gela.

La vicenda destò molto clamore a Menfi proprio perché si è svolta in pieno centro e durante i festeggiamenti di Inycon. Il collegio giudicante che ha condannato Condrea era composto dal presidente, Andrea Genna, con a latere i giudici Filippo Lo Presti e Rosario Di Gioia. Pubblico ministero il sostituto procuratore Michele Marrone che già durante la fase delle indagini aveva coordinato le indagini.

Alle richieste del pm si era associato, al processo, il legale di parte civile, l’avvocato Calogero Lanzarone, il difensore dell’imputato, l’avvocato Leonarda Liotta, aveva chiesto la derubricazione del tentato omicidio in lesioni e il riconoscimento della legittima difesa. Condrea è stato condannato anche al pagamento di 20 mila euro di risarcimento al romeno accoltellato è di mille euro e un altro connazionale.

Giuseppe Pantano, Giornale di Sicilia 15/10/2015

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.