D’Alia (Udc): nuovo governo politicamente solido in Sicilia o si torni al voto

D’Alia (Udc): nuovo governo politicamente solido in Sicilia o si torni al voto

«Onestamente non capisco a cosa serva un tecnico inviato da Roma se l’unico risultato positivo è quello dello sblocco dei fondi Cipe ottenuto dal presidente Crocetta grazie ad una corretto dialogo Stato-Regione siciliana». Lo dice Gianpiero D’Alia, presidente della bicamerale per le questioni regionali.

«In un contesto di una Finanziaria nazionale coraggiosa e strategica per il Sud – spiega D’Alia – pensavo che avere un assessore all’Economia esperto e con un’ottima conoscenza degli ambienti romani potesse essere una garanzia per gestire insieme al governo la delicata situazione finanziaria dell’Isola, ma purtroppo vengo smentito dai fatti».

«Ora – continua il presidente dell’Udc – serve un tavolo permanente tra Roma e la Sicilia per affrontare e risolvere i nodi più delicati della vicenda economicofinanziaria e credo che chi rappresenterà la Regione dovrà avere un mandato politico forte».

«Mi auguro – conclude D’Alia – che il presidente Crocetta sia consequenziale e si decida finalmente a varare un nuovo governo che sia espressione di tutte le forze politiche della maggioranza e dunque politicamente solido e in grado di rappresentare adeguatamente gli interessi della Sicilia e dei siciliani altrimenti penso sia assolutamente più utile andare a votare».

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.