Tagli nella sanità siciliana: proteste a Ribera, Cefalù e Niscemi

Tagli nella sanità siciliana: proteste a Ribera, Cefalù e Niscemi

Monta la protesta contro la nuova bozza di rete ospedaliera presentata la scorsa settimana dall’assessore Baldo Gucciardi.

In Sicilia montano polemiche e proteste in diversi comuni dell’isola, da Cefalù (Pa) a Niscemi (Cl), contro il piano di riordino della rete ospedaliera, predisposto dalla Regione e che recepisce il decreto Balduzzi. Il piano ha ottenuto nei giorni scorsi l’ok da Roma, ma i contenuti, illustrati ai manager della sanità e ai sindacati dei lavoratori, stanno scatenando un vespaio di reazioni: sono previsti tagli di pronto soccorso, chiusura di reparti e la riduzione di posti letto in alcuni ospedali.

Nei prossimi giorni, l’assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, presenterà il piano in commissione Sanità dell’Assemblea ma il percorso si preannuncia in salita: alcuni esponenti della maggioranza ma soprattutto le opposizioni annunciano barricate. Mobilitazioni e proteste sono già in corso in alcuni comuni. A Niscemi, abitato da 28 mila anime, il sindaco Franco La Rosa ha occupato il pronto soccorso del Suor Cecilia Basarocco, trasferendo i suoi uffici nei locali come atto simbolico. A Cefalù, invece, amministratori e cittadini della cittadina normanna, dei comuni della Madonie, gia’ colpiti dalla chiusura di alcuni punti nascita, e del messinese hanno organizzato assemblee per dire ‘no’ al ridimensionamento dell’ospedale Giglio di Cefalù, che con la riforma sarà ‘declassato’ a semplice ospedale di base. Proteste anche a Ribera, nell’agrigentino.

Questa settimana la bozza passerà all’Ars per il parere della sesta commissione. Poi andrà in giunta.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.