Trovare lavoro a settembre: ecco come

Trovare lavoro a settembre: ecco come

Settembre è il periodo in assoluto più caldo per quanto riguarda la ricerca del lavoro perfetto per voi. Se giugno risulta un periodo caldo soprattutto per i giovani in cerca di un lavoretto stagionale per finanziarsi i mesi di studio, in questo periodo dell’anno le aziende intensificano la ricerca di nuovi candidati per posizioni aperte e sono più disposte a siglare contratti a medio-lungo termine con i candidati. Tra i motivi che ci sono dietro questa tendenza prima di tutto c’è il fatto che il lavoro riprende dopo la pausa estiva e i contratti stagionali, inoltre alla fine di agosto le imprese chiudono l’anno fiscale e sono pronte a fare nuovi investimenti per il futuro.

Dunque soprattutto settembre e ottobre sono movimentato sotto questo punto di vista poiché le aziende stabiliscono i nuovi obiettivi e i budget disponibili per raggiungerli. Per questo motivo le assunzioni aumentano e la ricerca di candidati si fa più intensa, a favore non solo dei giovani neolaureati o che hanno alle spalle esperienze di pochi anni, ma anche degli over 35, categoria che spesso viene sottovalutata e che si sente un po’ messa da parte. 

Firmare un contratto in questo periodo dell’anno, anche se è il più intenso e la competizione può essere molto maggiore, ha dei vantaggi che riguardano entrambe le parti, ossia aziende e candidati. Per quanto riguarda le aziende la forte attività nelle assunzioni nasce dal fatto che il periodo di chiusura impone assunzioni in tempi stretti. Per quanto riguarda invece i candidati, l’estate offre il momento più favorevole per calibrare e affinare le proprie ricerche, in vista di una scelta più consapevole in autunno. 

Spesso però non basta andare in giro a distribuire il proprio curriculum vitae a destra e a manca, e internet può dimostrarsi un solido alleato. Ma anche online, cercare lavoro e trovare offerte in linea con le proprie aspirazioni non è mai un’operazione semplice e automatica: districarsi tra i numerosi strumenti che raccolgono offerte di lavoro, richiede tempo, pazienza e attenzione. 

In rete è pieno zeppo di piattaforme create appositamente per mettere in contatto diretto aziende e persone in cerca di un’occupazione tramite la raccolta delle proposte di lavoro dei primi e dei curriculum dei secondi. Ciò rende tutto molto più facile ma allo stesso tempo aumenta la concorrenza, diminuendo anche la possibilità di essere effettivamente contattati.  

Una buona strategia è quella di seguire le best practice suggerite dagli operatori di settore, quali HR e agenzie per il lavoro. Un esempio sono questi consigli per trovare lavoro. Ad esempio un bel curriculum serve fino a un certo punto, perché l’importante è che sia chiaro e faccia capire subito il livello lavorativo che portate con voi e le vostre principali qualità. 

Inserire il proprio profilo e il proprio curriculum sulle piattaforme online non sempre funziona, ma sicuramente si otterranno maggiori risultati candidandosi direttamente sui profili o sui siti delle aziende, che così vi troveranno direttamente nel loro database, ottenendo quasi lo stesso risultato che presentandovi di persona in una sede. 

Sicuramente tra le abilità che più fanno colpo o che più vengono apprezzate c’è la conoscenza dell’inglese, in particolare ad un livello tale da riuscire a conversare fluentemente. Ma la cosa che più aiuta senza ombra di dubbio nel trovare lavoro, soprattutto in periodi caldi come settembre, è la costruzione di un network. Per questo si intende la costruzione di una rete solida fatta di passaparola, conoscenze e attività.

Farsi riconoscere come all’interno di un certo giro aiuta tantissimo, per questo non bisogna trascurare brevi esperienze, meetings, convegni, iniziare conoscenze fruttuose tramite e-mail e così via. Anche se può sembrarvi di fare la figura dei disperati in cerca di attenzione, il proporsi e il mettersi in gioco è molto apprezzato e solo facendo conoscere il vostro nome, la vostra faccia e quello che sapete e potete fare riuscirete a trovare sempre più occasioni di lavoro, probabilmente avendo anche il lusso di poter dire di no.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.