Il 9 novembre la Pfizer e la BioNTech, due aziende farmaceutiche, hanno annunciato che il vaccino su cui hanno collaborato ha un’efficacia che supera il 90 per cento nel prevenire casi sintomatici di covid-19. Il vaccino Pfizer-BioNTech si basa sull’uso dell’Rna messaggero (mRna): la tecnica consiste nel somministrare direttamente l’mRna responsabile della produzione di una proteina presente normalmente sulla superficie delle particelle virali. È questa proteina che scatena poi la risposta del sistema immunitario. Il vaccino è stato sperimentato su un gruppo etnicamente diversificato di 43mila persone e il processo non è ancora stato completato. I risultati annunciati si basano su un’analisi preliminare condotta da un gruppo indipendente di monitoraggio dei dati. Le aziende devono ancora sottoporre i loro risultati alla revisione paritaria (peer review) per essere pubblicati su una rivista scientifica.

Ci sono tre interrogativi sul vaccino:

  1. quanto funziona negli anziani?
  2. Previene l’infettività?
  3. A lungo termine il vaccino sarà efficace?

Malgrado questo, non c’è dubbio che i risultati siano estremamente positivi.

Il Direttore Scientifico del Regina Elena e presidente della Federazione Italiana Scienze della Vita Gennaro Ciliberto spiega attraverso un breve video animato come agirà il vaccino contro il coronavirus.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.