L’Italia di Mancini ci prova

L’Italia di Mancini ci prova

È un appuntamento molto desiderato quello di Euro 2020 per la nazionale italiana. La squadra allenata da Roberto Mancini attende questo momento da tre anni, ossia quando il tecnico marchigiano prese le redini della selezione tricolore dopo la brutta figura dell’eliminazione dai mondiali del 2018 in Russia. Adesso che l’ex allenatore di Inter e Manchester City è riuscito a dare nuovamente motivi di orgoglio agli appassionati della nazionale, soprattutto dopo aver vinto dieci partite di seguito, come ben elencato qui insieme ad altri record https://sport.sky.it/, il morale per l’europeo che sta per iniziare è altissimo.

Dopo aver staccato il pass per una competizione che inizierà proprio in Italia, ossia allo stadio Olimpico di Roma per il match inaugurale contro la Turchia, la squadra allenata dal Mancio è arrivata a questa competizione con il morale molto alto e le pile cariche. L’Italia rappresenta per il momento una delle outsider alla vittoria finale, se diamo un’occhiata alle varie quote delle scommesse sul calcio relative alla nazionale https://extra.bet365.it/. Questo perché davanti ad essa ci sono una serie di squadre più forti sia per organico sia per abitudine a calcare grandi palcoscenici negli ultimi anni. Con Belgio, Francia e Portogallo sicuramente al di sopra degli azzurri, alla squadra di Mancini toccherà fare da mina vagante. Eppure sono tanti i giocatori di livello a disposizione del tecnico jesino. A spiccare, tuttavia, e soprattutto dopo l’ultima stagione, sono vari elementi della rosa dei convocati, la quale vede 26 nomi in tutto.

Il primo che viene in mente, partendo dalla difesa, è il portiere Gigio Donnarumma, che con il Milan ha realizzato un’ottima stagione e ha raggiunto anche la tanto agognata qualificazione in Champions League. Classe 1999 ma ormai espertissimo dopo aver esordito in Serie A a soli 16 anni, il nativo di Castellammare di Stabia rappresenta il presente e il futuro della nazionale. Nonostante il suo avvenire al club rossonero è per il momento un’incognita, come ben analizzato in questo articolo https://www.calciomercato.com/, Donnarumma andrà concentrato agli europei per rendere al meglio e dimostrare a Mancini di far bene a fidarsi di lui per il delicato ruolo di estremo difensore.

Davanti a lui il CT si affiderà verosimilmente alla solida coppia tutta juventina formata dal capitano Giorgio Chiellini e dal suo fido accompagnante Leonardo Bonucci. L’esperienza dei due e la loro intesa collaudata rappresentano un punto di partenza importante per una nazionale che dal centrocampo in su proverà a sciorinare bel gioco come ha saputo fare durante le qualificazioni. In mezzo al campo la creatività di Jorginho unita alla verve di Nicolò Barella, per molti il miglior centrocampista dell’ultima stagione di Serie A, serviranno per dare equilibrio, mentre ad accompagnarli potrebbe esserci o Marco Verratti o Manuel Locatelli, due che con il pallone tra i piedi sanno sempre cosa fare.

Per finire in attacco gli azzurri si affidano all’estro di Lorenzo Insigne, autore di 19 reti nell’ultima stagione, e alla furia di Federico Chiesa, il migliore della Juventus nell’annata appena conclusasi.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.