Sicilia, l’Ars prova a frenare i ‘cambiacasacca’: Un deputato su tre ha cambiato partito

Sicilia, l’Ars prova a frenare i ‘cambiacasacca’: Un deputato su tre ha cambiato partito

Torna alla ribalta un tema politico che spesso ha diviso elettori e politici: il “cambio di casacca”.

In tre anni e mezzo 25 eletti su 70 sono infatti approdati a sponde politiche diverse. Il record al momento è attribuito a Marianna Caronia, 6 gruppi. In poco più di tre anni e mezzo ha già indossato sei casacche diverse. Per rimediare a questo problema anche l’Assemblea regionale sta cercando, attraverso una regolamentazione più appropriata del Parlamento siciliano, di disincentiva il cambio di gruppo.

«Limitare i cambi di casacca — dice il vicepresidente dell’Assemblea Roberto Di Mauro, punto di riferimento del Movimento per l’autonomia — è una necessità. Ci sono colleghi che cambiano continuamente. Ne va di mezzo l’attività legislativa».

Per Salvatore Siragusa «Uno strumento che disincentivi i cambi di casacca è una necessità». Per Giuseppe Lupo «Serve una modifica al regolamento per scoraggiare da un punto di vista economico i continui cambi. Spesso si tratta di deputati chiamati a fare opposizione dopo le
elezioni, ma che passano con la maggioranza. Questi continui traslochi comportano modifiche della rappresentanza in Consiglio di presidenza e nelle commissioni parlamentari».

Le proposte e le soluzioni, per placare questi salti dai diversi gruppi politici, ci sono ma non sarà facile poi trovare l’accordo.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.