Vino italiano nel mondo, record storico

Vino italiano nel mondo, record storico

Record storico per il vino italiano. Superati i timori per il bollino nero anticancro (escluso dalla Ue) si fanno i conti in attesa del Vinitaly, che torna dopo due anni a Verona. Con più di 4mila aziende (tutto esaurito nei padiglioni), dal 10 al 13 aprile. Il bilancio del 2021, secondo l’Osservatorio Uiv-Vinitaly, toccherà per la prima volta i 7,1 miliardi di euro di export. Con un aumento del 13% sul 2020 e del 10% sul 2019. Sono gli spumanti a trainare il mercato, le vendite sono cresciute del 30%.

Il mercato più vivace è quello statunitense, che nel 2019 hanno stappato il 50% in più di bollicine. Gli sparkling italiani sono cresciuti del 26% sul 2019, arrivando a quota 600 milioni di dollari. Le cantine francesi hanno guadagnato di più rispetto alle italiane, incassando grazie agli champagne venduti negli Stati Uniti 1,1 miliardi di dollari (+55%).

«C’è un generale clima di fiducia», dice il direttore di Veronafiere Giovanni Mantovani. Nell’edizione 54 del Vinitaly «arriveranno delegazioni da Usa, Canada, Singapore, Malaysia, Regno Unito, Paesi Scandinavi, Paesi Bassi, Germania, Svizzera».

Scrivi un commento da Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.