Lipari. Scuole allagate e un fiume di fango

<strong>Lipari</strong>. Scuole allagate e un fiume di fango

Last updated on Ottobre 4th, 2012 at 12:24 pm

Lipari, alluvione e fango

Un tuono, il cielo squassato dai lampi e in un attimo il cielo che all’alba era sereno si è ricoperto di nuvole cariche di acqua, una eccezionale bomba d’acqua che in due ore ha messo in ginocchio le Isole Eolie.

Si è svegliata così ieri Lipari, colpita da un violento nubifragio, 70 mm d’acqua in due ore, dalle 9 alle 11 del mattino, che hanno riempito di fango l’abitato. Mentre i liparoti spalano ancora, il sindaco Marco Giorgianni ha chiesto lo stato di calamità naturale. Una pioggia così violenta gli abitanti non la vedevano da almeno 50 anni. I danni sono ingentissimi, un vero e proprio disastro: le strade si sono allagate velocemente, coprendo di fango auto e facciate delle case, entrando nelle abitazioni.

I tre principali torrenti dell’isola sono esondati. Tra le più colpite le frazioni di Canneto e Marina Corta. Paura anche tra i banchi per i ragazzi appena rientrati a scuola, il piano terra della scuola media si è totalmente allagato e i circa 200 studenti si sono rifugiati al primo piano dell’edificio. Per lunedì sono state sospese le lezioni. A Canneto il torrente ha sommerso una decina di auto, nella zona di Calandra è sceso a valle un fiume di detriti di pomice trascinando anche un bus carico di passeggeri. Acqua e fango anche in molti negozi e abitazioni, molte famiglie sono rimaste bloccate in casa in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

Montagne di auto una sull’altra trascinate dalla furia dell’acqua, scooter e altri mezzi finiti addirittura in mare. I primi interventi sono stati possibili grazie a sette imprese del posto che hanno lavorato accanto alle squadre comunali, i vigili del fuoco, gli uomini della Forestale e della Protezione civile. E non sono mancate le polemiche: «Lipari è stata esclusa dagli interventi regionali di carattere emergenziale sul dissesto idrogelogico – ha detto da Catania il geologo liparoto Nico Russo – L’Amministrazione ha quindi presentato delle richieste agli enti che si occupano di prevenzione per trovare le soluzioni tecniche più appropriate».

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.