Palermo Calcio. Lo Monaco: «Gasperini in rosanero anche nel 2013»

<strong>Palermo Calcio</strong>. Lo Monaco: «Gasperini in rosanero anche nel 2013»

Last updated on Ottobre 3rd, 2012 at 09:12 pm

Fabrizio Miccoli

Il giorno dopo la prima vittoria in campionato (dopo 5 mesi di astinenza in assoluto e 7 mesi in casa), la festa è ancora per Fabrizio Miccoli che ha fatto incetta di 9 e 10 in pagella su tutti i quotidiani. Le immagini del suo quarto gol – la palombella fantastica al volo da metà campo – hanno fatto il giro del mondo, così come hanno fatto il giro… d’Italia le sue dichiarazioni.

Ha festeggiato il “Romario del Salento”, mentre Pietro Lo Monaco (che questo pomeriggio alle 14 terrà una conferenza stampa al Tenente Onorato di Boccadifalco) ha dovuto rintuzzare e smentire voci e presunte indiscrezioni su un imminente divorzio con Gasperini. “Non capisco come si possano tirare fuori certe notizie il giorno dopo una bella vittoria – ha detto l’amministratore delegato del Palermo – forse a qualcuno non piace che a Palermo ci siano momenti di serenità. E´ vero che il Palermo ha fatto parlare di sé in passato per queste cose, però si è voluto esagerare, dipingerci sopra, è una cosa da dementi. Eppure mi dicono che è successo davvero».

Lo Monaco non solo ha smentito categoricamente la notizia su un ribaltone in panchina (con l’arrivo di Atzori), è andato oltre confermando anche per la prossima stagione Gian Piero Gasperini. «La scelta di Gasperini è stata avallata al 100% – ha sottolineato Lo Monaco – è anche superfluo dirlo, ma rimarrà a Palermo anche il prossimo anno, non capisco come possano venire fuori queste notizie. Evidentemente c´è qualcuno a cui il Palermo sta indigesto».
L’occasione della smentita delle voci di… fantamercato, è stata buona anche per parlare di vicende passate, cioè di quando Lo Monaco era l’amministratore delegato del Catania. Qualcuno tra i sostenitori del Palermo, anche alla fine della conferenza stampa di presentazione della scorsa settimana, lo aveva accusato di avere usato frasi offensive e pesanti nei confronti dei tifosi rosanero nel tragico giorno del derby che costò la vita all’Ispettore Raciti.

«Avrei definito i palermitani animali? Non è affatto vero, è una cosa demenziale come la bufala sull´esonero di Gasperini – ha precisato Lo Monaco – ho anche vinto delle cause penali per queste dichiarazioni inventate. Tutti sanno che io vado sempre via dopo il primo tempo, mi piace camminare per la città, inoltre, non è linguaggio mio, quando devo mandare a quel paese qualcuno non lo mando a dire. Quel giorno gli unici a non entrarci niente furono i tifosi palermitani, arrivati a partita iniziata, non c´entravano assolutamente nulla e non riesco a comprendere come possa essere venuta fuori una cosa del genere».

Fin qui i chiarimenti, poi, finalmente, spazio all’analisi della prima partita da dirigente del Palermo, anzi da “massimo dirigente” considerato che Massimo Zamparini ha fatto un passo indietro ed ha delegato a Lo Monaco la gestione amministrativa e tecnica.

«Mi piace sottolineare che c´è stata la santificazione, e non potrebbe essere altrimenti, della grandissima prestazione di Miccoli contro il Chievo – ha commentato Lo Monaco – vi dico anche che è stata una bellissima prestazione del Palermo. Una squadra quadrata, che si è sacrificata per i 90′. Poi se Miccoli fa quelle cose io non mi sorprendo perché lui le ha nel Dna, mi sorprenderei se non le facesse. Quando Fabrizio fa queste cose è la norma, è uno dei migliori calciatori del panorama italiano. Queste cose fanno parte della sua normalità. Quello che Miccoli ha fatto ieri non sono solo i gol, ma ha fatto il capitano, ha preso per mano la squadra, si è sacrificato. Sembrava un giovanottino. Deve essere sempre così, perché è integro, la carriera dei calciatori si è allungata e fare riferimento alla carta d´identità è solo un alibi, può ancora dare tantissimo. Ha un fisico particolare che tarda a carburare, penso che quelle partite in cui non ha giocato dall’inizio le ha saltate per problemi di condizione. Il contratto non c´entra niente e se Miccoli ha saltato qualche partita o non l´ha giocata dall´inizio è stato solo per problemi di condizione».
Intanto questo pomeriggio la squadra riprenderà la preparazione in vista della trasferta di sabato contro il Genoa.

Scrivi un commento da Facebook

Lascia una risposta

Your email address will not be published.